Confiscati dalla GdF ad un pusher che per anni ha operato a Cervia anche 9mila euro in contanti

A fine novembre 2019 i Finanzieri della Tenenza di Cervia arrestavano, mentre spacciava cocaina, un cinquantacinquenne albanese, residente da oltre vent’anni a Cervia e impiegato, saltuariamente e solo nel periodo estivo, come aiuto cuoco presso strutture alberghiere del comprensorio cervese.

In quell’occasione l’acquirente della cocaina, fermato anch’esso dalle Fiamme Gialle, dichiarava di fare uso personale della sostanza e che erano ben 15 anni che si riforniva dall’arrestato, a dimostrazione dell’abitualità e professionalità criminale dello spacciatore, che per anni aveva ben pensato di integrare l’indennità dell’assegno di disoccupazione, spacciando droga nei pressi della propria abitazione.

Le indagini però non si sono fermate con l’arresto e il sequestro della droga. I Finanzieri della Tenenza di Cervia infatti, coordinati e diretti dalla competente Procura della Repubblica di Ravenna, hanno avviato mirati e analitici accertamenti economico-patrimoniali che hanno permesso di rilevare, in capo all’arrestato, un’evidente sproporzione tra i beni nella sua disponibilità ed i redditi leciti dichiarati nel corso degli anni.

In particolare, a fronte degli esigui guadagni stagionali, che gli avrebbero permesso la mera sopravvivenza, il soggetto palesava un tenore di vita ingiustificato, tanto da avere la disponibilità di uno scooter, di un’autovettura e di aver anche acquistato recentemente un appartamento con garage, porzione di una villetta bifamiliare di recente costruzione in località Tagliata di Cervia.

L’esito degli accertamenti veniva quindi rapportato al Pubblico Ministero che richiedeva il sequestro urgente dei beni segnalati al competente G.I.P. del Tribunale di Ravenna, il quale, riconoscendo la provenienza illecita delle risorse finanziarie a base di tale arricchimento patrimoniale, emetteva nei giorni scorsi il relativo provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca dell’immobile segnalato, da eseguirsi qualora l’arrestato, ancora oggi agli arresti domiciliari, verrà condannato definitivamente.

Nella giornata di ieri, i militari della Tenenza di Cervia hanno quindi dato esecuzione al citato provvedimento ablatorio, sequestrando l’immobile di proprietà dell’arrestato del valore commerciale di 160.000,00 euro.  Nella medesima circostanza, infine, i militari hanno notificato all’indagato la confisca definitiva degli oltre 9.000 euro in contanti, rinvenuti in casa e sequestratigli in occasione del suo arresto.

L’operazione di servizio appena conclusa testimonia la costante attenzione operativa posta dai militari in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna, in aderenza alle direttive impartite dell’Autorità Giudiziaria, per l’aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamente accumulate dalle consorterie criminali, così da neutralizzare ed annullare ogni utilità economica derivante dalla commissione di gravi reati.