Matteo Cagnoni (foto di repertorio)

Il denaro andrà al Comune, alle associazioni costituitesi parte civile (Udi, Linea Rosa e Dalla parte dei Minori), ai figli di Giulia e alla famiglia Ballestri.

In attesa del verdetto della Cassazione, dopo il processo di primo grado e l’Appello i quali hanno condannato il dermatologo ravennate Matteo Cagnoni all’ergastolo per l’omicidio nel settembre 2016 della moglie Giulia Ballestri, si è intanto concluso il procedimento civile con un risarcimento da 4 milioni di euro nei confronti del Comune, delle Associazioni costituitesi parte civile (Udi, Linea Rosa e Dalla parte dei Minori), dei figli di Giulia e della famiglia Ballestri.

A darne notizie il Corriere Romagna.

La somma, come riporta il quotidiano in edicola oggi, non è vincolata dall’esito del processo.