COMUNICATO STAMPA Il coltello e il paletto appuntito sequestrati dalla Polizia Locale
COMUNICATO STAMPA Il coltello e il paletto appuntito sequestrati dalla Polizia Locale

L’uomo era stato controllato perché non indossava la mascherina.

L’inquietante ritrovamento è avvenuto nei giorni scorsi durante un controllo da parte di una pattuglia della polizia locale dell’Unione della Romagna faentina all’interno del parco Mita, nel quartiere San Marco.

I due agenti della ‘locale’, verso le 17, hanno attraversato l’area verde dove si trova la sede del Quartiere Centro-Nord per un normale servizio di pattugliamento. Il parco, soprattutto in primavera ed estate, è molto amato da bambini e famiglie che lì trascorrono i pomeriggi ma nel tempo anche attenzionato dalle forze di polizia.

Seduto su una panchina i vigili hanno notato un uomo che non indossava la mascherina, obbligatoria a causa della situazione pandemica da Covid. Gli agenti del comando di via Baliatico hanno quindi deciso di identificare l’uomo, risultato essere un 41enne nato in Germania e residente a Campobasso nel Molise.

Dal controllo personale è emerso che l’uomo deteneva un coltello a serramanico, con una lama della lunghezza di 6 centimetri e un bastone della lunghezza di circa 30 centimetri con entrambe le estremità appuntite. Una cosa che ovviamente ha portato gli agenti a sequestrare sia il coltello che l’arma impropria e a condurre il 41enne negli uffici del Comando dove, dopo aver espletato le formalità, hanno denunciato l’uomo per possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere.