(Foto shutterstock.com)

Processo da rifare secondo il verdetto emesso ieri dalla corte d’appello di Bologna

Tutto da rifare il processo a carico del noto immobiliarista Giuseppe Musca, che era stato condannato dal Tribunale di Ravenna a 10 anni per bancarotta il 24 settembre del 2018. Ora la sentenza emessa ieri, lunedì 12 aprile, dalla corte d’appello di Bologna, cancella il primo verdetto, che aveva visto condannata a 8 anni anche la moglie Susi Ghiselli e assolto il figlio Nicola Musca, a causa di un vizio di forma.

Come riportato sulle pagine de Il Resto del Carlino di questa mattina, i giudici di appello hanno accolto l’eccezione sollevata dalle difese, affidate agli avvocati Domenico Di Terlizzi, Gianluigi Lebro e Giorgio Guerra. Molto probabilmente, quindi, il processo ripartirà da capo, senza per altro congelamente dei termini di prescrizione.