La scorsa settimana la ditta che si è aggiudicati i lavori, dopo i rilevamenti tecnici ha iniziato lo scavo per le nuove superfici

Nel corso della passata legislatura la giunta di Palazzo Manfredi aveva avviato l’iter per il progetto di ampliamento dello skate-park di Faenza, un’area di circa 1.000 metri quadrati, nata nel 2009, tra via Calamelli e via Renaccio. L’impianto è uno dei luoghi di ritrovo di tantissimi che oltre a praticare le diverse discipline degli sport su rotelle usano quell’impianto quale luogo di aggregazione. A distanza di 10 anni dalla sua realizzazione, l’assessorato alle politiche giovanili, sulla spinta di una richiesta di ammodernamento dello skate-park da parte delle associazioni e dei ragazzi che frequentano il ‘Park’, potendo contare su un finanziamento della Regione Emilia-Romagna, attraverso la legge 14/2008 per sostenere progettualità giovanili, aveva dato l’input per un restyling dell’area. Il progetto definitivo, approvato a settembre del 2020 ha ottenuto il benestare della federazione sportiva di riferimento, la Fisr che si occupa tra l’altro di rilasciare l’omologazione degli impianti quali luoghi di esercizio e gli eventi di livello regionale.

Nello specifico, il progetto prevede l’aumento della superficie da 1.000 a 1.200 metri quadrati con la realizzazione di nuove superfici di scorrimento, piane, curvilinee e inclinate. A questi interventi verranno ad aggiungersi altre opere di arredo urbano, protezioni di sicurezza e il potenziamento dell’impianto di illuminazione. Il costo dei lavori è di poco superiore ai 46mila euro.