(foto di repertorio)

Picchetto d’onore nel cortile della Caserma “Giovanni Frignani“ sede del Comando Provinciale di Ravenna

L’Arma dei Carabinieri celebra domani, sabato 5 giugno, la propria Festa, tradizionalmente fissata per ricordare la data nella quale, nel 1920, fu concessa alla bandiera dell’Arma la prima Medaglia d’Oro al Valor Militare, per l’eroica partecipazione alla Prima Guerra mondiale. Bandiera che, a tutt’oggi, rimane la più decorata.

La fondazione dell’Arma risale, però, al 13 luglio 1814, quando il Re Vittorio Emanuele I, con Regie Patenti, costituì i Carabinieri Reali, un Corpo di militari:

“… per buona condotta e saviezza distinti …”

che, oltre a contribuire alla difesa dello Stato in tempo di guerra, erano in tempo di pace

“… specialmente incaricati di vegliare alla conservazione della pubblica e privata sicurezza …”.

Una duplice funzione che i Carabinieri conservano tuttora: la difesa dello Stato in qualità di Forza Armata e la difesa dei cittadini, come Forza di Polizia.

Per la contingente situazione sanitaria in ambito nazionale, la celebrazione avverrà alle ore 10 nel cortile della Caserma “Giovanni Frignani“ sede del Comando Provinciale di Ravenna, con la sola deposizione di una corona davanti alla lapide dedicata ai Caduti, alla presenza di un picchetto d’onore e del Prefetto Dott. Enrico CATERINO.