Un'immagine delle "magliette gialle" (foto di repertorio)

Saranno donate alle “magliette gialle” che presenzieranno alla festa finale di ottobre all’Almagià

Fra i vari laboratori avviati quest’anno nell’ambito di Lavori in Comune, il progetto promosso dall’assessorato al Decentramento, uno di questi è stato finalizzato alla realizzazione delle “spillette della speranza”.

Le “magliette gialle”, Alice, Enrico, Giada, Luisa, Marta e Sofia Letizia, coadiuvate dalle tutor Liberata Cervino, Meri Esposito e Adriana Lazzari della Banca del Tempo, hanno realizzato spillette a forma di fiori e coccarde, dai colori giallo e rosso: questi due colori, infatti, vogliono ricordare il colore delle loro magliette e lo stemma del Comune.

Il periodo di pandemia, reo di aver penalizzato soprattutto le giovani generazioni, il loro stile di vita, la socializzazione e la frequenza della scuola, ha lasciato un segno difficile da dimenticare. Per questo motivo, anche le magliette gialle hanno voluto lasciare il loro segno, intriso di speranza, di serenità e di ripresa di una vita normale, con l’auspicio che un momento così triste rimanga solo un brutto ricordo.

Pertanto le spillette, che nella loro semplicità racchiudono questo importante significato, verranno donate alle magliette gialle presenti alla festa finale a loro dedicata in programma a ottobre all’Almagià, a testimonianza di un futuro di pace per tutti i loro coetanei.