La giuria del liceo scientifico "Oriani" che mercoledì sera ha premiato il corto di Vasiliev

Stasera a Lido di Classe un incontro sul futuro del cinema, poi spazio ai corti con tante opere pluripremiate

Il festival “Corti da Sogni – Antonio Ricci” si avvicina al gran finale. Nella serata di mercoledì è stato assegnato il primo riconoscimento, intitolato la “sezione Film School” (costituita da cortometraggi realizzati dagli iscritti alle più prestigiose scuole e accademie di cinema internazionali). Vincitore è stato il corto russo “Hello my dears” di Alexander Vasiliev, che racconta l’amore per i gatti di un’anziana signora che si sente terribilmente sola. Il premio è stato assegnato dagli studenti del liceo scientifico “Oriani”, avendo partecipato, con il coordinamento della professoressa Angela Malfitano, ai laboratori organizzati dal “circolo Sogni”.

Il programma di giornata

Nella giornata di oggi, venerdì 25 giungo, penultima di proiezioni, gli appuntamenti prenderanno il via alle 21 nella suggestiva location dell'”Arena del sole” di Lido di Classe. Si parte con un incontro sul futuro del cinema e dei film in arrivo nelle sale dall’autunno, dato che il festival ospiterà la prima puntata dal vivo della trasmissione “Twin Pics”, reduce dalla prima stagione di programmazione andata in onda su “RSE RADIO WEB”. Il tema di “Twin Pics”, condotta da Luigi Distaso insieme a Francesco Della Torre, è il momento delicato che sta vivendo il cinema, speranzoso, dopo mesi di chiusura, per una ripartenza definitiva. Quali film saranno in sala in autunno? Come se la passano le maestranze del cinema? Quali progetti sono in fase di realizzazione? Il regista Edo Tagliavini, il presidente di “Cinemaincentro” Tiziano Gamberini e Nevio Salimbeni, responsabile del settore Cinema per “Cna Ravenna”, cercheranno di dare una risposta a tutti questi interrogativi.

Si continua, poi, alle 21.30 con i cortometraggi in concorso. Si parte con l’opera iraniana “Funfair” di Kaveh Mazaheri, in cui il protagonista è Majid, un uomo in difficoltà finanziarie che escogita uno stratagemma per la migliorare la vita di sua moglie Sara. Si prosegue con la categoria dell’animazione con la delicata commedia francese “The box” di Marie-Pierre Hauwelle, in cui si raccontano le ansie di Chloé, il cui delicato equilibrio viene stravolto dall’arrivo di un misterioso pacco. Per il cinema italiano seguirà “Caro nipote” di Michele Bizzi. Il protagonista è Giorgio, cui è stata diagnostica una misteriosa malattia cardiaca che lo mette a rischio di morte se supera gli 87 battiti al minuto. Per monitorarli costantemente, si è dotato di un dispositivo da polso e di un’educatrice emotiva, che ha l’obiettivo di insegnargli a vivere una vita serena, distante da fatiche ed emozioni.

A seguire è in programma l’evento speciale fuori concorso “C’era una volta un re” del regista ravennate Edo Tagliavini. L’opera è ambientata il 26 maggio del 1805 a Milano. Mentre tutta la città si raccoglie attorno al Duomo per l’incoronazione di Napoleone a re d’Italia, il nobile Carlo, costretto in carrozzina da una tubercolosi ossea, e il suo servo Cesare si confrontano su scelte che cambieranno per sempre le loro vite.

Per la categoria “Frequenze” in corto sarà in gara il ravennate Filippo Giunti con “7 anni” (Nicola Peruch). Dalla Francia arriva, invece, una storia di combattimenti clandestini all’ultimo sangue all’interno di un furgone attorno al quale gira un pericoloso mondo di scommesse. Il protagonista ha bisogno di soldi ed è anche molto bravo nella lotta, per cui tenterà la sorte su “The Van”, diretto da Beqiri Erenik. Il programma prosegue con un corto iraniano d’animazione ad alta intensità, “Song sparrow” di Farzaneh Omidvarnia (premiato al prestigioso “Festival di Giffoni”). Un gruppo di rifugiati prova a raggiungere un paese sicuro in cerca di una vita migliore. Pagano un contrabbandiere per trasportarli oltre i confini in un camion frigo, ma la gelida temperatura del camion trasforma le loro speranze per un futuro migliore in una lotta feroce per la sopravvivenza. Segue il videoclip “Another place” della russa Anna Radchenko e dell’inglese Jeremy Schaulin-Rioux e l’evento speciale dal “Nightmare Film Festival”, “Cassandra” dello statunitense David E. Tolchinsky. Una poliziotta di nome Crawley si affretta a raggiungere la casa che corrisponde all’ultimo schizzo di “Cassandra”, un’assassina a cui piace disegnare il luogo del suo prossimo omicidio. In questa casa vi dimora Field, uno psichiatra in pensione, che tempo addietro aveva curato una paziente di nome Cassandra Philips.

Infine, il programma si chiude con la simpatica commedia francese “Hypersensible” di Lewis Eizykaman e con il corto di animazione “Newspaper news” della svizzera Sophie Laskar.

Il programma di domani

Domani, sabato 26 giugno, si proseguirà con la proiezione e la premiazione dei cortometraggi vincitori delle sezioni in concorso. Condurrà la serata il giornalista Alberto Mazzotti.

La manifestazione è organizzata dal “circolo Sogni” in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Ravenna, con la “Uicc”, con il sostegno della “Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna” e con la collaborazione dell’associazione “Solaris”. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito web www.cinesogni.it, scrivere una mail all’indirizzo info@cinesogni.it, visitare la pagina Facebook “Circolo Sogni” oppure telefonare al 333 8481010 o allo 0544 939942.