Il rendering dell'area con il nuovo palazzetto

Nessuna sospensiva come veniva invece richiesto dall’azienda esclusa dall’appalto per interdittiva antimafia

Niente sospensiva per i lavori del nuovo Palasport di Ravenna. Il cantiere potrà proseguire dopo che il Tar dell’Emilia-Romagna ha rigettato la richiesta di stop da parte della Passarelli Spa, la società che era stata esclusa dall’appalto per interdittiva antimafia emessa a giugno 2020 per “tentativi di infiltrazione mafiosa” e, di conseguenza, per “rischio di condizionamento” (non per l’esistenza di un’affiliazione) dalla prefettura di Napoli.

Come riportato da Il Resto del Carlino di oggi, mercoledì 28 luglio, il Tribunale regionale ha rigettato il ricorso valutando l’“interesse pubblico” della conclusione dei lavori già iniziati.