Il provvedimento, valido fino al 31 ottobre, obbliga gli organizzatori di alcuni eventi ad effettuare specifici trattamenti

Il sindaco di Cervia Massimo Medri ha emanato un’ordinanza a tutela della salute pubblica, per prevenire e controllare malattie infettive trasmissibili all’uomo attraverso la puntura della zanzara comune.

Il provvedimento, valido fino a domenica 31 ottobre, è stato deciso anche sulla base delle indicazioni della regione Emilia-Romagna e del dipartimento di sanità pubblica dell’”AUSL della Romagna”.

La possibilità di diffusione del virus “West Nile” è connessa alla presenza di zanzare appartenenti al genere “Culex”, che si sviluppano in zone rurali ed urbane, sovrapponendosi anche alle zanzare tigre con cui condividono molti focolai larvali.

La prevenzione dell’infezione da virus “West Nile” è necessaria per ridurre il più possibile le zanzare, per questo sono indispensabili interventi di lotta anti-larvale ed interventi preventivi con adulticidi, nei luoghi in cui sono organizzate manifestazioni con oltre 200 persone all’aperto; nelle ore serali; in aree verdi o in zone con presenza di verde, in cui non viene svolta la disinfezione ordinaria preventiva.

Pertanto, tutti i soggetti che organizzano eventi con queste caratteristiche sono obbligati ad effettuare questi interventi straordinari; affidando l’esecuzione dei trattamenti a ditte specializzate del settore; affiggendo nell’area interessata con almeno 48 ore di anticipo cartelli informativi alla cittadinanza che riportino la data e l’ora del trattamento e le misure di sicurezza a cui attenersi e comunicando preventivamente il trattamento all'”Associazione Romagnola Apicoltori” per l’adozione delle misure necessarie alla tutela delle eventuali arnie presenti.

Le modalità specifiche sono indicate nelle “Linee guida regionali per un corretto utilizzo dei trattamenti adulticidi contro le zanzare” reperibili al link del sito web www.zanzaratigreonline.it/it/approfondimenti/documenti-tecnici.