Nelle giornate di domenica 22 e domenica 29 agosto quattro treni regionali provenienti da Ancona e diretti a Piacenza prolungheranno il servizio fino alla stazione di Milano

Per favorire i rientri attesi per i prossimi fine settimana, Trenitalia Tper potenzia ulteriormente i collegamenti fra la Riviera Romagnola, le città dell’Emilia e Milano.

A fronte del sensibile aumento di passeggeri provenienti dalla Lombardia, nelle giornate di domenica 22 e domenica 29 agosto quattro treni regionali provenienti da Ancona e diretti a Piacenza prolungheranno il servizio fino alla stazione di Milano. Previste anche una nuova corsa da Pesaro per il capoluogo lombardo e una da Cattolica con destinazione finale Piacenza.

Fin da giugno scorso Trenitalia Tper, in accordo con la Regione Emilia-Romagna, ha potenziato i collegamenti regionali estivi per e dalla Riviera Romagnola. Nel fine settimana sono 174 le corse offerte fra Ancona/Rimini e Bologna/Piacenza/Milano, per un totale di 170 mila posti. A questi, dal mese di luglio si sono aggiunti altri 6 collegamenti nel week end per ulteriori 7mila posti e un piano flessibile di corse straordinarie pronte a coprire le tratte e gli orari di maggiore richiesta. Potenziata la presenza di personale di assistenza clienti nelle stazioni di Rimini, Riccione, Bologna, Piacenza e Milano.

Trenitalia ricorda inoltre che le norme oggi in vigore prevedono che sui treni regionali possa salire un numero massimo di persone pari all’80% dei posti totali – a sedere e in piedi – per i quali il treno è omologato. Il rispetto di questo limite è monitorato dal capotreno e dalla sala operativa, che si avvale anche dei dati forniti dai sistemi automatici di conteggio dei passeggeri, installati sulle porte di salita e discesa dei convogli. I collegamenti fra Emilia e Romagna sono effettuati quasi esclusivamente con i nuovi e capienti treni Rock a doppio piano, sui quali oggi possono viaggiare fino a 1174 persone, di cui 600 sedute. L’app Trenitalia consente inoltre di verificare in tempo reale il numero di posti disponibili sui treni e, se esauriti, inibisce la vendita dei biglietti.