Il prefetto di Ravenna Enrico Caterino (foto di repertorio)

Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Il Prefetto interviene anche sugli episodi avvenuti a Massa Lombarda

Si è riunito l’altro giorno il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Enrico Caterino.

Alla riunione hanno partecipato i Sindaci dei Comuni di Faenza, Russi e Massa Lombarda, i Vertici delle Forze di Polizia, i Comandanti della Polizia Stradale, della Polizia Provinciale e della Polizia Locale di Russi, nonché i Rappresentanti del Comando della Polizia Locale del Comune di Ravenna e delle Unioni della Romagna Faentina e della Bassa Romagna.

Nell’ambito della ripresa delle attività economiche sociali e culturali e, in particolare, delle manifestazioni fieristiche previste nei prossimi giorni che interesseranno il territorio di questa provincia, si è proceduto ad una ricognizione degli eventi di maggiore rilievo, tra cui la Sagra di Russi e la Mostra mercato di Faenza.

In questo contesto sono stati esaminati i diversi aspetti afferenti agli eventi in questione, con specifico riferimento all’attuazione delle misure vigenti finalizzate alle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

In tali contesti, tenuto conto delle affluenze attese dagli Enti organizzatori, sono state programmate mirate azioni di verifica e controllo che, d’intesa con gli Amministratori locali, avranno il compito di contrastare ogni forma di abuso ed elusione delle norme volte a garantire il distanziamento sociale, il rispetto del divieto di assembramento e l’applicazione delle certificazioni verdi (green pass) allo scopo di consentire l’accesso in sicurezza alle diverse attività per le quali sono previste.

Il Comitato si è occupato, tra l’altro, della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nel Comune di Massa Lombarda, con specifico riferimento ai recenti episodi criminosi avvenuti nelle scorse settimane.

A tal riguardo, dopo aver evidenziato che episodi di questo genere non sono espressione di una realtà territoriale storicamente caratterizzata da alto senso civico e responsabilità collettiva, sono scaturite linee d’intervento operativo condivise, finalizzate a mantenere e implementare le attività di prevenzione e di controllo a carattere generale.

In particolare, nell’ambito di una rinnovata collaborazione tra le istituzioni locali e le Forze dell’ordine, è stata condivisa l’opportunità che il dispositivo di sicurezza nel territorio, già positivamente sperimentato con la tempestiva individuazione dei responsabili degli atti criminali verificatisi a Massa Lombarda, sia implementato con la predisposizione di mirati servizi interforze e di attività a carattere preventivo e repressivo.

“La Prefettura ha un compito di prevenzione – ha sottolineato il Prefetto Caterino – che si sviluppa attraverso l’analisi delle esigenze del territorio, da cui promana quella strategia operativa di controllo che negli ultimi tempi ha consentito il raggiungimento di apprezzabili risultati consistenti in una sensibile diminuzione dei reati in genere ed in particolare di quelli contro il patrimonio.

A questo sforzo sinergico sono chiamate a contribuire tutte le forze delle Polizie Locali, il cui apporto collaborativo risulta imprescindibile al fine di perseguire l’obiettivo comunemente condiviso di garantire un sistema di sicurezza integrata e partecipata.

La legalità e la coesione sono tutti principi che fanno parte della cultura delle collettività di questo territorio, che vanno consolidati ed esaltati attraverso una sempre più efficace sinergia, testimoniata da una unità di intenti discendente da una rinnovata collaborazione volta a creare quella barriera necessaria per prevenire e contrastare la diffusione di fenomeni criminosi” conclude Caterino.