Le raccomandazioni del Ministero della Salute

Si torna a parlare di zaini, quelli zaini dal peso troppo elevato che tutti i giorni le spalle di ragazze e ragazzi devono sorreggere.

Si torna a parlare di zaini, sì, perché nonostante siano anni che si chiede a gran voce di alleggerirne il peso per non gravare sulla salute della schiena dei nostri giovani, pare che ancora poco, se non nulla, sia cambiato.

“La colonna vertebrale dei bambini e degli adolescenti è una struttura delicata, in un certo senso ‘critica’ – si legge sul sito del Ministero della Salute -, che va incontro con una certa frequenza a disturbi funzionali non strutturati cosiddetti paramorfismi ed in alcuni casi, fortunatamente molto più rari, ad alterazioni anatomiche strutturate talvolta evolutive dette dismorfismi, come nel caso della scoliosi.
E’ pertanto importante e giustificato per genitori, operatori scolastici e sanitari prendere in seria considerazione il problema e prestare un’adeguata attenzione ai possibili fattori di rischio.

Nel documento Chiarimenti in merito al peso degli zainetti scolastici elaborato nel 2009 dal Ministero dell’istruzione, università e ricerca e dal Ministero del lavoro, salute e politiche sociali ed inviato agli assessorati scolastici regionali e a tutti i dirigenti scolastici, sono riportate le raccomandazioni del Consiglio Superiore di Sanità, fatte anche tenendo conto della letteratura scientifica internazionale, relative alla controversa questione dei superzaini che affligge soprattutto i ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori:

  • il peso degli zaini non dovrebbe superare il 10-15 per cento del peso corporeo dell’alunno che lo indossa
  • lo zaino deve essere indossato in maniera corretta, facendo sì che il carico venga ripartito simmetricamente sul dorso e non su un solo lato: un carico asimmetrico comporta come noto carico aumentato per il rachide in atteggiamento posturale non fisiologico
  • è necessaria un’educazione all’essenzialità organizzativa del corredo scolastico da parte dei docenti considerando anche che, già da qualche anno le case editrici hanno iniziato a stampare i testi scolastici in fascicoli, proprio per consentire di alleggerire il peso degli zaini scolastici
  • è necessario inserire la corretta gestione del peso dello zaino all’interno di una più ampia educazione alla salute e alla promozione di corretti stili di vita”.

Sono quindi anni che si cerca di porre rimedio a questo problema, ma siamo sicuri che ci si attenga realmente a tali raccomandazioni? Oppure si potrebbe fare di più? Siamo sicuri che gli insegnanti facciano portare solo i libri necessari di volta in volta per quella specifica lezione? Viene fatta una corretta e approfondita informazione ai giovani studenti sulle posture più corrette per la loro salute?

Forse si potrebbe fare di più.

Allegati

“Indirizzi di policy integrate per la Scuola che Promuove Salute” elaborato dal Ministero della salute e dal Ministero dell’Istruzione (17 gennaio 2019) SCARICA ADESSO