(Shutterstock.com)

Due tassisti gravemente indiziati di violenza privata e di atti persecutori commessi nei confronti dei loro colleghi

La Polizia locale, nel corso della mattinata di ieri, ha dato esecuzione a due misure cautelari emesse dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Ravenna, a carico di due tassisti, gravemente indiziati di violenza privata e di atti persecutori commessi nei confronti dei loro colleghi.

La vicenda scaturisce dalle numerose segnalazioni che gli stessi colleghi dei due indagati avevano presentato alla Polizia locale, già a partire dalla fine del 2020, per gravi e reiterati episodi di minaccia posti in essere anche nei confronti di inermi clienti.

Agli indagati è fatto divieto di avvicinarsi all’area taxi della stazione ferroviaria di Ravenna.