(Shutterstock.com)

Ad ucciderla sarebbe stata, secondo le perizie, la somministrazione giornaliera della dose settimanale di farmaci

Doppia condanna (a sei e otto mesi) e un rinvio a giudizio: questo l’esito dell’udienza davanti al Gup di Ravenna per la morte di una donna di 81 anni, deceduta l’11 maggio 2018 alla clinica Domus Nova di Ravenna.

A darne notizia l’Ansa. 

Secondo le perizie a causare il decesso sarebbe stata un’errata posologia: la somministrazione giornaliera della dose settimanale di un farmaco; da qui l’accusa di omicidio colposo. 

Inoltre, sempre come riporta l’Ansa, il giudice ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura perché valuti le posizioni del primario del reparto, del direttore sanitario e di alcune infermiere che ebbero in cura la paziente.