(Foto Shutterstock.com)

Grazie alla segnalazione di una vicina della vittima, l’uomo è stato fermato dai militari mentre stava ancora ripetutamente suonando il campanello

Un soggetto con un giubbotto rosso stava ripetutamente suonando il campanello di una sua vicina di casa” questo è il contenuto di una telefonata giunta ieri sera al numero d’emergenza 112 della Compagnia Carabinieri di Faenza da una donna che risiede nello stesso condominio della vittima.

La vittima, una donna faentina classe 1972, aveva avuto una relazione con un coetaneo sud africano, poi finita, e l’uomo non si era mai rassegnato a questa fine.

Nei confronti dell’uomo era stato emesso un divieto di avvicinamento del 9 dicembre 2020 a firma del GIP del Tribunale di Ravenna Dott. Corrado SCHIARETTI, nel quale si obbligava l’uomo a non avvicinarsi a meno di 500 metri dalla persona offesa e dai luoghi frequentati dalla donna (abitazione e luogo di lavoro), ma l’uomo, in evidente stato di ubriachezza, si era appostato sotto l’abitazione della vittima.

La pattuglia dei Carabinieri, giunta sul posto, ha trovato l’uomo dal giubbotto rosso sotto il portone del condominio, che seguitava a suonare il campanello della vittima. L’uomo è stato condotto in caserma, ove sono stati adempiuti gli adempimenti di rito.

Avvisato il pm di turno, D.ssa Monica GARGIULO, l’uomo è stato immediatamente arrestato e trattenuto presso la camera di sicurezza della locale Compagnia Carabinieri in attesa del rito direttissimo.

In data odierna l’arresto è stato convalidato dal GIP del Tribunale di Ravenna.