Il sindaco Piovaccari ha consegnato loro una copia della Costituzione italiana

Giovedì 2 dicembre si è tenuto nella sala consiliare del municipio il consueto incontro di fine anno tra la giunta di Cotignola e i ragazzi e le ragazze neodiciottenni. Lo scorso anno l’incontro era stato annullato a causa della pandemia, pertanto hanno partecipato anche alcuni ragazzi nati nel 2002.

Erano presenti Anna Morganti, Mariangel Alonso, Alice Camporesi, Jacopo Quarneti, Sara Sangiorgi, Camilla Zoli, Stefano Cassani, Giada Parra, Martina Parra, Pietro Ronconi, Giulia Paglioni, Gabriele Bassi, Reda Marzak, Mervielle Abialimba.

In apertura il sindaco Luca Piovaccari, dopo aver brevemente illustrato il funzionamento del Consiglio e della giunta comunale, ha chiesto ai ragazzi di presentarsi e raccontare il loro rapporto con Cotignola.

Quasi tutti frequentano gli istituti superiori di Lugo e Faenza, mentre qualcuno ha già trovato occupazione. Della propria città sono molto apprezzati gli eventi principali come la Segavecchia, la Sagra del vino tipico romagnolo, la festa della birra e i Palio di Alberico di Barbiano e l’auspicio è che questi eventi possano presto tornare allo splendore pre-pandemia. Tra le attività praticate ci sono il ballo, la danza, il calcio, il tiro con l’arco. Si sente la necessità di uno spazio di aggregazione per i giovani fino ai vent’anni e il sogno è la riapertura del teatro Modernissimo.

Dalle risposte della giunta sono emerse alcune anticipazioni sui progetti futuri di riqualificazione che riguardano il parco Pertini e un campetto da calcio aperto a tutti.
Per quanto riguarda il teatro Modernissimo, da diverso tempo è in corso un dialogo con la parrocchia, proprietaria dell’immobile, per una riqualificazione che coinvolga anche investimenti privati e un adeguamento della struttura alle esigenze contemporanee di Amministrazione comunale e associazioni del territorio.

Al termine dell’incontro, il primo cittadino ha consegnato ai giovani una copia della Costituzione italiana. “Questi incontri sono per noi molto preziosi perché ci aiutano a capire dai ragazzi come possiamo migliorare la nostra città, per renderla più vicina alle loro esigenze e ai loro interessi – ha dichiarato il sindaco Luca Piovaccari -. Questi appuntamenti diventano spesso anche un’occasione per raccontare loro i principali progetti su cui l’Amministrazione è impegnata e che vanno nella direzione di aumentare le occasioni di socialità e incontro anche per la loro generazione”.