Shutterstock.com

Il nuovo modello di piattaforma consentirà in modo rapido la ricerca e fruizione dei contenuti da parte del cittadino o dell’impresa, anche attraverso uno smartphone o un tablet

Interattivo, accessibile, funzionale, veloce. Il sito web della Provincia di Ravenna cambia veste scegliendo, in accordo con le linee guida dell’Agenzia per l’Italia digitale, un modello di piattaforma che consentirà in modo intuitivo e rapido la ricerca e fruizione dei contenuti da parte del cittadino o dell’impresa, anche attraverso uno smartphone o un tablet.

“Cosa si aspetta di trovare il cittadino sul sito istituzionale?”. Questa è la domanda alla quale si è cercato di dare una risposta nel costruire l’home page e le pagine dei servizi e dei documenti prodotti dall’ente; i contenuti sono stati quindi organizzati, in una nuova veste grafica, privilegiando l’usabilità e l’accessibilità da parte dell’utente, la ricerca rapida dei contenuti e la trasparenza e completezza delle informazioni pubblicate.

La comunicazione on line rappresenta uno dei cardini principali per informare la cittadinanza sui servizi erogati e il canale digitale rappresenta una modalità sempre più utilizzata per interagire con la pubblica amministrazione: in quest’ottica sulla nuova piattaforma digitale sarà possibile fruire di una serie di servizi on line ai quali i cittadini e le cittadine potranno accedere tramite autenticazione con SPID. Resta ferma la possibilità di poter procedere all’inoltro di domande anche attraverso la posta elettronica certificata o altre modalità per quei cittadini e cittadine che non intendono ancora avvalersi del canale digitale.

Sarà possibile, come prima, consultare i bandi di gara e i concorsi attivati ma anche ottenere informazioni sulle attività di formazione, istruzione e orientamento promosse dalla Provincia, sui lavori in ambito di edilizia scolastica, di viabilità e sullo stato delle strade provinciali, in un’ottica di informazione e di rendicontazione ai cittadini e alle cittadine delle molteplici attività dell’ente.