(foto di repertorio)

L’uomo è stato rintracciato a Palermo

Al termine di una complessa attività investigativa la Polizia di Stato ha raccolto gravi elementi indiziari nei confronti di uno degli autori della rapina consumata il 17 luglio del 2020 in danno dell’istituto di credito “La Cassa” di Ravenna, agenzia di via Classense.

La rapina era stata compiuta da due persone, travisate e armate di cutter, le quali dopo avere rinchiuso due impiegati all’interno dei locali dei servizi igienici, s’impossessavano di oltre 46.000 euro.

Al termine dell’azione delittuosa i malviventi si sono impadroniti dell’auto del direttore della filiale e sono fuggiti facendo perdere le proprie tracce.

Le indagini svolte dagli investigatori della Squadra Mobile di Ravenna consentivano di identificare uno dei presunti rapinatori, il quale veniva denunciato alla Procura della Repubblica in ordine al reato di rapina aggravata.

In esito alle risultanze dell’attività di indagine degli investigatori, condivise dall’Autorità Giudiziaria, il G.I.P. del Tribunale di Ravenna ha emesso un provvedimento restrittivo nei confronti di uno dei responsabili.

Nella serata del 21 dicembre scorso, in seguito alle meticolose ricerche del catturando, svolte con la fattiva collaborazione degli investigatori della Squadra Mobile di Palermo, il provvedimento è stato eseguito presso la Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo.