Camper nomadi parco Teodora

Le richieste avanzate al sindaco

Riportiamo di seguito le parole di Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna): “Venerdì 21 gennaio, alle ore 15.30, avrà luogo presso il Palazzo Merlato di piazza del Popolo a Ravenna, nell’aula del consiglio comunale, una seduta della commissione consiliare n. 1, Affari istituzionali e Sicurezza, convocata per discutere la petizione di Lista per Ravenna (allegata), sottoscritta da 447 cittadini, prima e secondo firmatari Elisa Frontini e Michele Moretta, intitolata: :“Accampamenti abusivi disdicevoli di nomadi e giostrai. Il sindaco imponga il rispetto della legge e dell’ordine”. Si può assistere alla seduta tramite la pagina facebook del Comune di Ravenna.

Le richieste avanzate al sindaco dalla petizione sono le seguenti:

revocare ai nomadi la residenza fittizia in via dell’Anagrafe;

di conseguenza, individuare per loro un luogo di stazionamento coi propri mezzi esterno ai quartieri e alle zone abitate;

applicare il cosiddetto Daspo urbano, disposto dall’art. 4 del nuovo regolamento della Polizia locale di Ravenna, provvedendo, come dice la legge nei casi di stanziamento abusivo recidivo, all’allontanamento dal luogo fino a sei mesi e fino a due anni per le persone condannate in secondo grado per reati contro la persona o il patrimonio commessi negli ultimi cinque anni;

controlli serrati della Polizia locale, sulla base delle autorizzazioni concesse ai giostrai per svolgere la loro attività nel territorio comunale in determinati luoghi e periodi, che la sosta dei mezzi nel parcheggio di via Medulino, indicato dal Comune, non si prolunghi oltre il termine concesso per ogni autorizzazione;

quando ciò succeda, disporre l’allontanamento forzato di tali mezzi dal parcheggio e imporre sanzioni adeguate, non autorizzando ulteriori periodi di esercizio giostraio nel comune di Ravenna da parte degli inadempienti;

in ogni caso, il Comune deve individuare anche per loro un luogo di stazionamento regolare che sia esterno agli abitati”.

Allegati: