Via Baccarini (Foto da Google Street View)

“Urgente riattivare il tavolo per la rivalorizzazione dell’area del Borgo San Rocco-via Mazzini”

Nota congiunta da parte di Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna Ravenna, che chiedono la parziale riapertura di via Baccarini.

“Come Associazioni di Categoria – scrivono – ribadiamo quanto già proposto nel 2015 all’Amministrazione Comunale e cioè la pedonalizzazione primo tratto con realizzazione di arredo urbano, sino all’incrocio con via Rondinelli. Occorre riaprire la seconda parte di via Baccarini, in quanto i risultati della chiusura hanno testimoniato l’inutilità della ztl, con l’unico effetto di portare alla chiusura le attività presenti.

Tale intervento ha solamente prodotto degrado e la chiusura di attività lungo via Baccarini e comunque danneggiato altre attività presenti nel Borgo San Rocco. Riteniamo indispensabile che si avvii al più presto l’auspicato e sollecitato tavolo per la rivalorizzazione dell’area del Borgo San Rocco-via Mazzini, di cui anche via Baccarini fa parte, con lo scopo di ottimizzare la viabilità, le dotazioni di parcheggio, ma anche le strategie di arredo urbano e di rilancio commerciale dell’area

Riteniamo, inoltre, molto importante che nella stesura del PUMS si tenga conto anche di questa problematica per avere una visione strategica e d’insieme della città: viabilità, arredo urbano, piano della sosta, attività di promozione sono aspetti interconnessi che devono essere necessariamente affrontati assieme”.

E’ fondamentale anche in questa fase in cui ci si va a confrontare sul nuovo strumento di pianificazione urbanistica che si individuino all’interno del PUG strategie per la riqualificazione, la rigenerazione della città, del centro, dei suoi borghi storici, come il Borgo San Rocco, per non procedere in maniera scoordinata”.

Il vicesindaco Fusignani: “Valuteremo attentamente la proposta delle associazioni di categoria”

“La proposta delle associazioni di categoria circa la riapertura di via Baccarini senza limitazioni al traffico e quindi con l’abolizione della ZTL nel secondo tratto – sostiene Eugenio Fusignani, vicesindaco con delega al centro storico – va attentamente valutata sia dal punto di vista tecnico, sia dei flussi di traffico, dal momento che è anche presente il restringimento della sede stradale di via Rondinelli. Si tratta di un’area a cui l’amministrazione rivolge da sempre grande attenzione poiché vi insistono istituzioni culturali come la Classense e scolastiche come la Guido Novello oltre a trovarsi quasi nel cuore del centro storico, particolarmente frequentato dai residenti e visitato dai turisti. Pertanto via Baccarini e limitrofi sono al centro di un progetto di riqualificazione già in essere dal mandato amministrativo precedente che ci sta particolarmente a cuore, che prevede, tra l’altro, la pedonalizzazione da piazza Caduti a via Rondinelli e che ha già registrato l’installazione di un sistema di videosorveglianza invocato da più parti. Mi preme rassicurare sia le associazioni di categoria con cui senz’altro ci confronteremo, sia i cittadini sull’ impegno del Comune a vagliare ogni possibile intervento teso a migliorarne fruibilità, mobilità, sicurezza e decoro”.