(Foto Shutterstock.com)

Alcuni lettori ci hanno segnalato l’intensificarsi del fenomeno nelle ultime settimane

Un SMS sul proprio cellulare da un numero che si spaccia per la propria banca e che segnala movimenti anomali o un blocco del conto corrente, con allegato un link da cui risolvere il problema inserendo le proprie credenziali. Si tratta invece di una classica truffa, che permette a male intenzionati di appropriarsi di codice utente e PIN della malcapitata vittima.

Sono diverse le segnalazioni che ci sono giunte da lettori, a proposito dell’intensificarsi di questo tipo di tentativi di raggiro nelle ultime settimane.

La tecnica utilizzata è quella del cosiddetto “SMS Spoofing”, che consente di falsificare il nome del mittente di un messaggio, esattamente come si fa per le email.

Molte persone sono ormai a conoscenza e preparati a proposito delle truffe che girano via internet e email, dove il procedimento è più o meno lo stesso: mittente falso e messaggio di allarme con un link che reindirizza a una pagina in cui inserire le proprie password.

Ma l’SMS sul proprio telefonino potrebbe cogliere impreparati, soprattutto gli utenti più anziani. Per questo è giusto ricordare di fare attenzione.

Come più volte ricordato dalle stesse banche e dalle associazioni dei consumatori, nessuna banca, anche con servizi mobile, chiederà MAI al proprio cliente di confermare le sue credenziali tramite un SMS. È fondamentale diffidare da comunicazioni del genere. In caso di dubbio è sempre buona norma chiamare la propria banca ai suoi numeri ufficiali.