(Foto Shutterstock.com)

Da ieri, lunedì 4, fino al 10 aprile, controlli mirati sull’utilizzo delle cinture di sicurezza su tutte le arterie europee di grande viabilità

Nell’ambito del progetto “ROADPOL – European Roads Policing Network”, una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali nata sotto l’egida dell’Unione Europea alla quale aderiscono quasi tutti i paesi membri, oltre a Svizzera, Serbia, Turchia e in qualità di osservatore la Polizia dell’Emirato di Dubai (Emirati Arabi Uniti), è stata programmata l’operazione denominata “SEATBELT” (cinture di sicurezza), che si svolge dal 4 al 10 aprile 2022.

L’Italia è rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del Ministero dell’Interno. La cooperazione tra le polizie stradali europee ha l’obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti, così come previsto dal Piano d’Azione Europeo 2021 – 2030.

Tale attività si sviluppa attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto alle violazioni commesse durante la guida, e alla effettuazione di specifiche campagne di informazione in tutto il continente europeo, con particolare attenzione ad alcune aree, ritenute strategiche.

L’obiettivo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale armonizzando le attività di prevenzione, informazione e controllo, i cui risultati verranno monitorati dal Gruppo Operativo ROADPOL.

Nel corso della suddetta operazione, programmata dal 4 al 10 aprile su tutte le arterie europee di grande viabilità, gli agenti verificheranno specialmente il rispetto del corretto utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta da parte di conducenti e occupanti dei veicoli, con particolare riguardo ai seggiolini per bambini.

In tale contesto la Sezione Polizia Stradale di Ravenna ha predisposto sulle arterie autostradali e di grande comunicazione presenti nel territorio di propria competenza, una serie di specifici servizi che si svolgeranno per l’intera settimana nell’arco di tutte le ventiquattro ore.