Polizia di Stato

Il Questore di Ravenna emette il Daspo Willy della durata di due anni

Il Questore di Ravenna Giusi Stellino ha emesso il provvedimento di divieto di accesso e stazionamento in tutti i pubblici esercizi o locali di intrattenimento della provincia di Ravenna (Daspo Willy) per due anni, a carico di un trentaduenne, pluripregiudicato, che lo scorso 6 maggio è stato arrestato dai militari dell’Arma dei Carabinieri di Lugo, per episodi violenti commessi in stato di ubriachezza nei pressi di un bar cittadino.

Nei fatti, durante la notte del 6 maggio scorso i Carabinieri di Lugo sono intervenuti presso un bar di quel centro a seguito della segnalazione di un uomo ubriaco che molestava gli avventori. All’arrivo dei Carabinieri, il trentaduenne reagiva mandando in frantumi la vetrata del locale, scagliandosi poi contro i militari e riuscendo a ferirne uno. Nella circostanza l’uomo veniva arrestato per i reati di danneggiamento, oltraggio, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni. Convalidato l’arresto, l’Autorità giudiziaria ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria.

Il successivo 8 maggio, a soli due giorni di distanza dal precedente evento delittuoso, i poliziotti del Commissariato della Polizia di Stato di Lugo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, notavano il trentaduenne che, barcollando in evidente stato di ebbrezza alcolica, stava molestando un anziano. Alla vista degli operatori, intervenuti per farlo desistere dal suo comportamento, l’uomo iniziava a dare in escandescenza colpendo con calci anche l’autovettura di servizio. Pertanto, veniva arrestato per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento.

A seguito dell’istruttoria condotta dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Ravenna il Questore Stellino ha emesso il c.d. “Daspo Willy”, che è stato notificato all’interessato dai poliziotti del Commissariato di Lugo unitamente ai militari della Stazione Carabinieri di Lugo. Da sabato 21 maggio scorso all’uomo è fatto divieto, per due anni, di accedere e stazionare in qualunque bar o locale di intrattenimento presente nell’intera provincia di Ravenna.