Ora verrà trasferito all’Istituto Zooprofilattico dove si procederà alle indagini necroscopiche

Nella giornata del 18/06/2022 è stato segnalato dalla capitaneria di porto di Ravenna al centro ricerche CESTHA, centro recupero fauna marina e centro scientifico per i rilievi biometrici sulle carcasse, lo spiaggiamento di un esemplare di Tursiops truncatus, il delfino più comune nelle acque dell’alto Adriatico. Sul posto, il personale della capitaneria e i biologi incaricati hanno potuto verificare l’effettivo stato di decomposizione della carcassa, appartenente ad un maschio adulto di quasi 3 metri, deceduto diversi giorni prima e portato a riva dalle correnti. 

Sono stati eseguiti tutti i rilievi di campo tra cui la registrazione fotografica della pinna dell’esemplare. I delfini, infatti, possiedono la caratteristica di avere pinne con forme e graffi a carattere di unicità che, quasi come una impronta digitale, differenziano ogni esemplare. 

Ora l’esemplare verrà trasferito all’Istituto Zooprofilattico dove si procederà alle indagini necroscopiche per accertare le cause della morte dell’animale.