La scadenza della prima rata è il 31 luglio 2022

Un nuovo servizio online tramite il quale l’intestatario di Tari può accedere con SPID e CIE alla propria posizione, verificare le scadenze ed i versamenti eseguiti dal 2020, accedere ai pagamenti da eseguire e scaricare in tempo reale l’F24 per il pagamento delle rate, onde evitare spiacevoli ritardi dovuti alla postalizzazione dei bollettini. È presente anche la possibilità di effettuare i versamenti tardivi, adottando la procedura del “ravvedimento operoso”, prima che l’ufficio notifichi l’avviso di accertamento per omesso versamento, con applicazione di sanzioni ed interessi.

Ecco alcune delle novità a cui è possibile accedere tramite il portale Multiservizi dedicato alla tariffa sui rifiuti, con l’obiettivo di mettere a disposizione di cittadini e aziende un ulteriore utile strumento di semplificazione dell’accesso ai servizi della pubblica amministrazione e che si aggiunge ai canali di accesso già presenti.

Come per gli anni precedenti le scadenze per il pagamento della Tari 2022 sono state fissate in 3 rate: 31 luglio, 30 settembre e 16 dicembre e gli aumenti annunciati del 5% sono stati di molto contenuti grazie ad un complesso rapporto che viene calcolato sulla base di una serie di fattori che derivano in parte anche dal recupero dell’evasione fiscale.

“Il Piano economico finanziario (PEF) ha determinato un aumento delle tariffe sui rifiuti del 5% per tutti i Comuni della Bassa Romagna, calcolato sui bienni precedenti, e dunque completamente svincolato dalla recente introduzione del sistema di raccolta differenziata “porta a porta” nei nostri Comuni – commenta il Sindaco referente alle politiche di bilancio Riccardo Graziani – ma una corretta gestione e soprattutto l’ordinario impegno nel recupero dell’evasione ha permesso di limitare in maniera consistente questi aumenti: in Bassa Romagna si registra un massimo del 2,3% ma vi sono anche Comuni nei quali si registrano riduzioni”.

“I primi risultati sull’aumento della percentuale di raccolta differenziata nei nostri territori sono già molto buoni – aggiunge la sindaca referente all’ambiente Paola Pula – e si riferiscono ad un periodo in cui l’attivazione del porta a porta non era ancora completa in tutti i Comuni. Ciò consente di avviare il percorso verso l’introduzione della tariffa puntuale che nella sua applicazione a regime permetterà di adottare tariffe di favore agli utenti virtuosi che ridurranno la quantità di rifiuto indifferenziato conferito: in sostanza presto pagherà meno chi differenzierà meglio. A questo proposito ci tengo, a nome di tutti i sindaci dei comuni dell’Unione, a ringraziare i cittadini e le imprese per l’impegno e per la pazienza profusi in questo delicato cambiamento“.

Gli utenti dei Comuni in cui è già stato adottato il cd “SEDA AVANZATO” per i servizi di Tesoreria (per i Comuni di Alfonsine, Conselice, Lugo e Massa Lombarda), riceveranno, unitamente al bollettino per il pagamento della TARI, un apposito modulo per la richiesta di addebito continuato (domiciliazione bancaria). Nel caso di adesione, l’importo dovuto a titolo di TARI, relativo alla scadenza del saldo TARI del 16 dicembre, potrà essere pagato con l’addebito automatico.

Al portale Multiservizi si accede dalla pagina dedicata alla TARI sul sito www.labassaromagna.it – I Servizi – Tributi e Entrate tramite le credenziali SPID, oppure utilizzando CIE/CNS.

Lo sportello TARI di Lugo (Piazza Trisi, 4) e tutti gli sportelli territoriali nei Comuni ricevono preferibilmente su appuntamento (dalla pagina dedicata del sito è possibile fissare un appuntamento online). Per qualunque informazione è possibile telefonare dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18 ai numeri 800 213 036 (gratuito da numero fisso), 199 179 964 (a pagamento da cellulare), oppure inviare una email a sportellotari@unione.labassaromagna.it