Ravenna Solidale, l'arrivo dei volontari e degli artisti del teatro di Kiev in piazza Kennedy (foto di repertorio)

“Ci avrebbe fatto piacere vedere al fianco del Sindaco Cristina Mazzavillani Muti”

L’associazione Ravennate Cuore e Territorio ha letto con ammirazione sulla pagina del primo cittadino Michele De Pascale, che in occasione dell’arrivo della nave Rojen il Comune di Ravenna ha ricevuto l’Ambasciatore d’Ucraina Yaroslav Melnyk, insieme ad una delegazione. “Con piacere s’apprende – si legge in una nota di Cuore e Territorio – che il Sindaco ha ripercorso i rapporti di relazione tra Ravenna e l’Ucraina, dai legami culturali come il viaggio dell’Amicizia di Ravenna Festival, fino ai drammatici fatti recenti, che hanno visto una grande ospitalità dei ravennati verso i profughi Ucraini. Siamo certi che il primo cittadino avrà raccontato del viaggio di Ravenna Solidale e Cuore e Territorio verso la Polonia per recuperare una parte degli artisti del Teatro di Kiev con un carico di medicinali, materiale sanitario, cibo, mascherine, tamponi e defibrillatori. La solidarietà in favore dei profughi ucraini riannoda i fili del legame allacciato nel 2018 da Ravenna Festival con il concerto dell’amicizia a Kiev, legame che la guerra voleva spezzare. La missione fu organizzata da Ravenna Solidale, in risposta a un appello degli artisti di Kiev, raccolto da Cristina Mazzavillani Muti, che ha fatto parte della delegazione. La missione ebbe successo grazie al coordinamento delle associazioni di volontariato nato per gestire in città gli aiuti per i profughi ucraini. Ci avrebbe fatto piacere vedere al fianco del Sindaco, in rappresentanza di tutte le associazioni coinvolte nel progetto, Cristina Mazzavillani Muti.

Il linguaggio universale della musica e del volontariato lo inviamo da questa pagina a tutto il popolo Ucraino”.