Iniziativa finalizzata alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici

E’ stato firmato nella mattinata di ieri, mercoledì 9 novembre, in Prefettura, tra il Prefetto di Ravenna Castrese De Rosa e la Sindaca di Bagnacavallo Eleonora Proni  il Protocollo d’intesa “Scuole Sicure 2022/2023” con cui si regolano i rispettivi e reciproci impegni in relazione all’attuazione dell’iniziativa finalizzata alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici.

Il progetto presentato dal Comune di Bagnacavallo ed approvato dalla Prefettura è stato finanziato per 13.960,98 euro dal Ministero dell’Interno con il Fondo per la sicurezza urbana, in particolare con i fondi destinati ai Comuni per il finanziamento di iniziative di prevenzione e contrasto dello spaccio di stupefacenti nei pressi delle scuole.

Con il Protocollo, il Comune si impegna a produrre specifici report mensili sull’attività svolta e una relazione finale sugli esiti dell’iniziativa.

Il progetto, destinato all’Istituto comprensivo Berti e redatto dalla Polizia Locale della Bassa Romagna, ha per titolo “Ragazzi e dipendenze: no allo sballo”. Attraverso di esso sarà messa in campo una serie di misure volte a contrastare e a informare gli studenti sul tema dello “sballo”. Verranno svolte attività di controllo, anche in borghese, da parte della Polizia Locale durante gli orari di ingresso e di uscita degli studenti da scuola e in altri momenti della giornata, soprattutto nelle aree adiacenti i plessi scolastici e nei pressi dei centri di aggregazione giovanile, finalizzate alla prevenzione e al contrasto delle attività illegali collegate allo spaccio e all’uso di stupefacenti.

In particolare, il progetto si svilupperà attraverso azioni di: prevenzione e contrasto dei fenomeni di degrado urbano; promozione di un sistema di controllo territoriale a tutela delle fasce deboli, in particolare nelle aree ove si trovano gli istituti scolastici e i centri di aggregazione giovanile del territorio; attività tese a migliorare il senso di sicurezza della collettività aumentando il controllo del territorio.

«Tutelare le fasce giovanili più vulnerabili della popolazione, ragazzi ed adolescenti che frequentano le scuole e i centri giovanili della zona – ha sottolineato la sindaca Eleonora Proni – è una priorità della nostra azione politica. Il progetto approvato dalla Prefettura va in questa direzione, non limitandosi all’intensificazione delle necessarie attività di controllo ma informando e sensibilizzando ragazze e ragazzi, perché soltanto con la conoscenza e la consapevolezza dei rischi e delle relative contromisure si potranno raggiungere risultati importanti e destinati a durare nel tempo.»

Le sinergie con i Comuni – ha dichiarato il Prefetto De Rosa – sono importanti perché consentono di avviare azioni concertate per contrastare l’illegalità, in particolare lo spaccio di sostanze stupefacenti ed aiutare i nostri ragazzi ad acquisire maggiore consapevolezza sui rischi a cui vanno incontro.

Il Comune di Bagnacavallo ha predisposto un progetto molto interessante che abbiano approvato in Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, condividendone in pieno i contenuti”.