Una bomba della Seconda guerra mondiale (Foto di repertorio)

Nei giorni scorsi la bomba residuato della Seconda guerra mondiale era stata rinvenuta nel campo da rugby all’interno dell’impianto sportivo di Faenza

L’impianto sportivo della Graziola di Faenza è uno dei luoghi nel quale verranno effettuati lavori di rigenerazione grazie al contributo ottenuto attraverso il PNRR. La pratica dovrà essere presentata entro la fine dell’anno. Per questo motivo gli uffici tecnici del Comune di Faenza hanno chiesto, come è prassi in questa zona, duramente colpita dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, una verifica dell’area. Nei giorni scorsi la ditta incaricata dei carotaggi ha individuato un piccolo ordigno bellico nei pressi delle panchine dell’attuale campo da rugby.

Nel pomeriggio di mercoledì, dalla Prefettura è stato reso noto che giovedì 22 dicembre, alle 10.30, si procederà, dopo l’allestimento del COC, il Centro operativo comunale, a un sopralluogo da parte degli artificieri dell’Esercito, i Guastatori dell’8° Reggimento Genio-Paracadutisti. In quella sede verrà valutata la possibilità di far brillare direttamente sul posto l’ordigno oppure decidere di trasportarlo e farlo esplodere in un altro sito. In ogni caso, dalla Prefettura assicurano, che le operazioni termineranno in mattinata.

Per questo motivo via Sant’Orsola, strada che confina con la zona dove è stato rinvenuto l’ordigno, resterà interdetta al traffico. La viabilità verrà dirottata su strade laterali.