(Gasper Furman / Shutterstock.com)

Joseph Ratzinger è deceduto all’età di 95 anni

È deceduto all’età di 95 anni Joseph Ratzinger, Papa emerito Benedetto XVI. A darne notizia il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni: “Con dolore informo che il Papa Emerito, Benedetto XVI, è deceduto oggi alle ore 9:34, nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano”. 

Il cordoglio di Stefano Bonaccini 

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, lo ricorda su Facebook citando le parole di Benedetto XVI: “Fate sì che l’amore unificante sia la vostra misura; l’amore durevole sia la vostra sfida; l’amore che si dona la vostra missione” e affermando : Si è spento Benedetto XVI, Papa emerito. Da lui sono sempre arrivati importanti inviti alla riflessione e al pensiero, anche per chi non credeva. Queste sue parole sono, oggi più che mai, profondamente necessarie. Le pronunciò in occasione della XIII giornata mondiale della gioventù, per ricordare ai ragazzi l’importanza di non abbandonarsi all’odio”.

Il cordoglio di Gianfranco Spadoni

Gianfranco Spadoni, consigliere di Lista per Ravenna per Cambiamo il Comune, Consiglio Area Ravenna 2 sud, scrive in una nota mandata alla stampa: “La Chiesa e l’intera comunità perdono un grande Papa, la cui dimissione dal soglio pontificio è costata all’emerito pontefice grande sofferenza di cui non si è mai pentito dichiarandosi completamente in pace con se stesso. La figura di Ratzinger erroneamente viene inquadrata come persona riservata, apparentemente poco incline alla comunicazione, in qualche misura definito addirittura debole e sommesso, ma la vera ’rivoluzione’ in termini di trasparenza è partita da lui, avendo il coraggio dopo un mese dalla sua elezione di denunciare la dilagante piaga della pedofilia esprimendo, addirittura, vergogna, disonore e rimorso a nome della Chiesa. Oltre alle pubblicazioni, tre encicliche caratterizzano, inoltre, la sua riservata e densa attività pontificia, ma ancor prima emerge un religioso con una brillante carriera accademica, un teologo raffinato di straordinaria cultura e rara sensibilità. L’umiltà e la fermezza sui ‘pilastri’ su cui edificare la vita dei religiosi e dei cristiani sono solo un esempio di questo grande Papa coerente e dotato di profonda spiritualità. Rifiuto di pensare a questo compianto Padre, con la superficiale e inopportuna definizione di “conservatore”, ma piuttosto ritengo si debba parlare di dotto cardinale entrato nel soglio di San Pietro, per modernizzare la chiesa e richiamarla al rispetto dei principi fondamentali della fede cristiana. Un Papa, come San Paolo VI°, che difficilmente dimenticherò perché fra i numerosi insegnamenti ha messo in primo piano la grande fede e l’umiltà”.