Tata Fata, Elena Cavallucci, con il pony rubato

La proprietaria: “Spero non li mangino; vi prego riportateli vivi, vi ricompenserò con mille euro”

Un furto che ha quasi dell’incredibile in una fattoria didattica nelle campagne tra Faenza e Reda. Ad essere presa di mira è un vero personaggio della città, beniamina di centinaia di bambini e famiglie, Tata Fata, al secolo Elena Cavallucci, truccabimbi, animatrice di migliaia di feste per grandi e bambini, coach, art terapist, gestalt counsellor e animatrice sociale con competenze in clowling.

Nel corso della notte, tra venerdì e sabato, dalla fattoria didattica di via Corleto sono stati portati via due capi di ovini, due pecore, una bianca e l’altra con il capo nero e un pony.

La notizia è stata diffusa attraverso la stessa pagina social di Elena Cavallucci che abbiamo sentito telefonicamente nella tarda mattinata di sabato, appena dopo la denuncia di furto sporta presso il commissariato di polizia di Faenza. “Sono disposta a riconoscere mille euro -spiega molto angosciata- a chi mi riporterà, in vita, Mina, Frida e Nuvolina questi i nomi dei tre animali”. ad accorgersi del furto è stata la stessa Tata Fata, sabato mattina verso le 8. “stato scoperto dalla proprietaria della struttura, Elena Cavallucci, personaggio notissimo in città come ‘Tata Fata’, coach, art terapist, gestalt counsellor e animatrice sociale con competenze in clowling. “Sabato mattina, verso le 8 -spiega Elena Cavallucci, particolarmente provata dall’episodio-. “Mi sono accorta che il recinto era stato tagliato e all’appello mancavano due pecore, una tutta bianca e un’altra con il capo nero e un pony. Probabilmente è stato usato un furgone per caricare gli animali. La paura più grossa è che tutti possano essere destinati alla macellazione mentre per me oltre a far parte della famiglia sono componenti dell’attività didattica che svolgo da tempo”.

Elena Cavallucci rivolge un appello: “Chiedo agli autori del furto di passarsi una mano sulla coscienza e di riportarmi, o farmi ritrovare Mina, Frida e Nuvolina; sono disposta a ricompensare il gesto con mille euro. Vi prego di farmeli ritrovare per me non sono solo animali con i quali lavoro ma dei familiari e i bambini li considerano loro amici”. La notizia, pubblicata sulla pagina social di Elena Cavallucci, anche per la sua notorietà, ha fatto presto il giro della città, con decine di condivisioni e messaggi di vicinanza.

Chi avesse informazioni o volesse far ritrovare gli animali può mandare un messaggio WhatsApp al numero 333.6177818 oppure contattare le forze dell’ordine, polizia, carabinieri o il centralino della polizia locale.

Gli animali della fattoria didattica rubati nella notte di venerdì a Pieve Corleto