Polizia locale
(foto di repertorio)

Agenti della polizia locale dell’Unione Faentina salvano la vita a un uomo che voleva compiere un gesto estremo

Aveva deciso che la sua vita non valeva più di essere vissuta e così si era preparato al gesto estremo. Montato un tubo di gomma allo scappamento della sua autovettura si era avviato lungo la circonvallazione di Faenza che, probabilmente a causa del monossido di carbonio della vecchia utilitaria che aveva invaso l’abitacolo, lo aveva portato a percorrere la strada contromano.
Per sua fortuna, e per quella degli altri automobilisti, ha trovato slungo il suo cammino una pattuglia della polizia locale dell’Unione della Romagna Faentina sulla quale si trovavano tre agenti in servizio di controllo sul terriorio. Il tutto è avvenuto giovedì 17 verso le 22.30, lungo la circonvallazione di Faenza, verso la rotatoria di via Boaria. Quando gli agenti hanno notato l’auto contromano si sono immediatamente attivati, pensando a qualcuno che aveva alzato troppo il gomito. Bloccata l’autovettura i vigili hanno immediatamente notato che l’uomo alla guida era in grave stato confusionale inoltre quando all’alt aveva abbassato il finestrino ne era uscito un forte odore tipico di monossido.
A quel punto gli agenti hanno notato che dallo scappamento partiva un tubo in gomma che portava all’abitacolo attraverso un finestrino, il tutto poi sigillato con del nastro adesivo. Gli agenti non hanno perso tempo e hanno portato all’esterno dell’abitacolo l’uomo che voleva compiere l’insano gesto, salvandogli di fatto la vita, allertando poi il 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza che ha condotto il conducente al pronto soccorso di Faenza per le prime cure.