Treno
(Shutterstock.com)

Fino al completamento dei lavori i collegamenti continueranno ad essere garantiti con autobus sostitutivi

È prevista per l’inizio di ottobre la riapertura della linea ferroviaria fra Faenza e Lavezzola, pesantemente danneggiata dalle inondazioni che hanno colpito la Romagna.

Rete Ferroviaria Italiana ha avviato in questi giorni i lavori di ripristino della propria infrastruttura, attività il cui inizio era subordinato al completamento degli interventi di rifacimento degli argini in corrispondenza del ponte ferroviario sul fiume Santerno, da parte dell’Agenzia per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile dell’Emilia Romagna

I lavori di RFI interessano la sede ferroviaria e il binario adiacenti alla travata metallica sul fiume, su entrambe le sponde del corso d’acqua, per una lunghezza complessiva di circa 80 metri. Per raggiungere le aree di cantiere e poter eseguire le lavorazioni si è resa necessaria la creazione di una pista provvisoria di circa 400 metri da realizzare al di sopra del sedime ferroviario, tra la stazione ferroviaria di Sant’Agata sul Santerno ed il ponte.

Nel cantiere saranno impegnati circa 40 tecnici di RFI e delle ditte appaltatrici, con ausilio di circa 10 mezzi d’opera.

Fino al completamento dei lavori i collegamenti fra Faenza e Lavezzola continueranno ad essere garantiti con autobus sostitutivi. Trenitalia Tper e Regione Emilia Romagna sono al lavoro per garantire alla riapertura della linea la migliore offerta possibile.