(Shutterstock.com)

Alcune delle centrali con collegamenti in rame, gravemente danneggiate dall’alluvione, saranno sostituite da tecnologie più performanti a banda ultralarga. Già avviata la campagna per migrare le utenze nei comuni coinvolti.

Sono state ripristinate molte delle linee telefoniche danneggiate dall’alluvione nel territorio della Bassa Romagna e si continua a lavorare per risolvere i guasti ancora da ripristinare. I tecnici dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna sono in costante contatto con TIM per il monitoraggio della situazione, in vista di un progressivo ritorno alla normalità.

Alcune centrali telefoniche in rame, gravemente danneggiate dall’alluvione, saranno sostituite con reti a banda ultralarga, come già comunicato agli organi competenti. Queste attività prevedono per gli utenti interessati un passaggio a tecnologie più innovative rispetto ai collegamenti in rame precedentemente garantiti. Già da luglio il servizio clienti TIM ha iniziato a contattare tutti i cittadini interessati proponendo il passaggio, senza costi aggiuntivi, alla migliore tecnologia a banda ultralarga disponibile nel territorio di riferimento. Questo tipo di chiamata non è di carattere commerciale, ma strumentale al ripristino della connessione stessa. Chi ha rifiutato la proposta, ma cambia idea, è sufficiente che chiami nuovamente il Servizio Clienti TIM (187 per i clienti privati o 191 per le piccole o medie imprese) e richieda l’adeguamento impianto che sarà effettuato garantendo continuità di servizio e mantenendo l’attuale numerazione telefonica. Inoltre, per le piccole e medie imprese dotate di molte linee e/o di collegamenti dati professional e/o di servizi ICT evoluti, è previsto il contatto diretto da parte dei Partner Commerciali TIM di zona che abitualmente hanno in gestione gli stessi clienti con l’obiettivo di valutare la migliore soluzione tecnica per migrare verso tecnologie ultra-broadband.

TIM, a sostegno della popolazione colpita dall’alluvione ha inoltre previsto per i suoi clienti una serie di iniziative, tra cui la possibilità di richiedere la temporanea sospensione della fatturazione per i casi di disservizio tecnico o di accertata inagibilità dell’immobile conseguenti agli eventi alluvionali (per maggiori informazioni www.tim.it/assistenza/info-consumatori/news/2023/agevolazioni-per-eventi-alluvionali).

Sul sito Agcom (www.agcom.it/emergenza-alluvione-emilia-romagna-maggio-2023) è disponibile l’elenco completo delle iniziative pro alluvionati di tutti gli operatori.

Si ricorda infine che, per quanto riguarda gli uffici pubblici, non saranno riattivati i numeri telefonici che iniziano con le cifre «38», che erano assegnati a diversi uffici dei Comuni e dell’Unione della Bassa Romagna. Per poter raggiungere telefonicamente gli uffici desiderati, è necessario sostituire le cifre «38» con «299»: per esempio, il numero 0545 38111 diventa 0545 299111.