acquistati una televisione e il Canta Tu che erano andati perduti nel fango

Sono stati oltre 400 gli spettatori presenti alla serata organizzata dall’Associazione Cambio Binario di Cotignola, martedì 4 luglio, nel Giardino del Teatro Binario. Protagonista l’amore, raccontato e cantato da Stefano Massini e Luca Barbarossa, in uno spettacolo che ha attraversato l’Italia nella stagione estiva appena trascorsa, registrando un successo straordinario di pubblico e critica.

Cambio Binario, grazie anche alla collaborazione degli artisti Massini e Barbarossa e delle rispettive produzioni Savà e Otr live, come da intenti resi pubblici nella promozione dell’evento, ha poi donato l’intero incasso al Centro socio occupazionale “Casa Novella Laboratori” di Barbiano, duramente colpito dall’alluvione, che si occupa di ospitalità diurna per adulti e giovani con disabilità. Le attività sono realizzate in convenzione con i Servizi Sociali e con il supporto di educatori e volontari. A queste persone sono proposte attività lavorative finalizzate allo sviluppo, quando possibile, di un’autonomia personale.

Il centro accoglie mediamente quindici persone con disabilità psico-sociale.

“Nel mese di maggio anche il luogo che ospita Casa Novella Laboratori ha subito il dramma dell’alluvione, riportando numerosi danni alle cose. Potremmo dire che tutto è andato perduto, ma forse non è così – dichiara Patrizia Loria consigliera e responsabile dei progetti del centro – innanzitutto perché la devastazione non ha colpito le persone, poiché Casa Novella Laboratori è un Centro diurno e al momento dei fatti non era abitato dagli ospiti. In questa vicenda abbiamo davanti a noi le immagini del dramma, ma ancor di più abbiamo negli occhi e nel cuore le immagini della ‘valanga’ di solidarietà che si è riversata per aiutare chi è stato colpito. Non è passato un giorno senza che qualcuno si presentasse per dare un aiuto. E non è mancata neppure la vostra amicizia! – scrive Patrizia a Cambio Binario – Con tanta passione avete realizzato un evento bellissimo, avete coinvolto artisti famosi che a loro volta si sono resi disponibili. E le persone hanno partecipato numerosissime”

L’arrivo dell’estate ha rallentato le attività del Centro e i laboratori sono rimasti chiusi per un po’. Ma a settembre, grazie a questa sostanziosa donazione e all’aiuto concreto di tanti, Casa Novella riapre e migliora la proposta di coinvolgimento dei propri ospiti. Con la cifra raccolta infatti sono già stati acquistati una televisione e il Canta Tu che erano andati perduti nel fango, macchine nuove per la lavorazione del legno, un’attività questa molto significativa per i ragazzi e che si svolge con la collaborazione di un volontario. In arrivo anche un forno adeguato alla cottura della creta, lavorata dai ragazzi che potranno così, in maniera creativa e singolare, produrre oggetti e decori. “Il lavoro per queste persone – concludono i responsabili del centro Casa Novella – ha valore terapeutico e la manualità favorisce percorsi di elaborazione di sentimenti e stati d’animo che possono trovare un canale di comunicazione più ‘facile’ soprattutto nelle numerose situazioni in cui è difficile ‘verbalizzare’ il proprio pensiero”.

“Siamo felici di aver potuto dare una mano ad una realtà così preziosa sul nostro territorio – queste le parole di Maurizio Casadio, Presidente dell’Associazione Cambio Binario. ‘Come un fiore che tra le mani sboccia’, canta Luca Barbarossa, così l’amore, grazie a tutti coloro che hanno reso possibile quella serata, sta ancora generando bellezza. Una ripartenza importante fatta di solidarietà, impegno e grinta”.