Uno dei due è stato anche denunciato per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio nazionale

La Polizia di Stato ha arrestato due cittadini extracomunitari per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, di cui uno è stato denunciato anche per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio nazionale.

Nel tardo pomeriggio di mercoledì 25 ottobre scorso a Ravenna in via Bidente, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha controllato un’auto con due persone a bordo.

Gli accertamenti effettuati in Banca Dati Interforze sulle generalità del passeggero e del conducente hanno evidenziato la loro pericolosità sociale; pertanto i poliziotti hanno proceduto ad un più approfondito controllo sul mezzo e sulle persone, al termine del quale sono stati sequestrati circa 82 grammi di eroina e 1.000 euro.

La successiva perquisizione effettuata dagli agenti presso la dimora di uno degli stranieri si è conclusa con il sequestro della somma di 13.430 euro, denaro ritenuto provento di attività illecite.

Dunque, i due uomini venivano arrestati per il reato di detenzione illecita di sostanza stupefacente.

L’Autorità Giudiziaria, informata dei fatti, ha disposto nei confronti degli arrestati la permanenza nelle camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’udienza di convalida in cui il Giudice ha emesso per uno dei due la custodia cautelare in carcere, mentre per l’altro è stato adottato il provvedimento di espulsione con l’ordine del Questore di Ravenna, Lucio Pennella, di lasciare il territorio nazionale entro sette giorni.