La serata di presentazione al teatro Walter Chiari

Il sindaco Medri: “Vogliamo far diventare la città un vero e proprio museo del sale a cielo aperto”

La Salina di Cervia candidata a Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. L’avvio delle procedure per ottenere il prestigioso riconoscimento è stato annunciato ieri sera nel corso di un evento al Teatro comunale ‘Walter Chiari’ che si è svolto nella città ravennate insieme al sindaco Massimo Medri, presente il presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

Progetti di riqualificazione

Un’occasione anche per presentare i progetti di riqualificazione che interessano la città del sale e finanziati con fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr): dagli interventi per il Centro visite Saline e l’Idrovora di via Bova, dove verrà realizzato il ‘Museo delle acque’, al progetto della ciclabile ‘Anello del sale’, che permetterà di percorrere in bicicletta il tragitto attorno alla salina stessa. E non solo. Tra le opere presentate spicca il nuovo progetto di riqualificazione e implementazione del Musa, il Museo del sale, che verrà rivisitato ed integrato con importanti ritrovamenti archeologici (elementi delle antiche saline romane e tutti i tappeti musivi della chiesa di San Martino) creando uno spazio sempre più completo, inclusivo e apprezzabile da tutti i target di pubblico. Cervia diventerà inoltre sempre di più un museo diffuso che intende mettere a sistema e valorizzare gli elementi storico-culturali legati alla cultura del sale diffusi sul territorio, a partire dalla realtà della salina per giungere al centro storico di Cervia e al MUSA.

Post alluvione: il ripristino della salina

Inoltre, sono stati illustrati gli interventi necessari al ripristino della salina, dopo la devastante alluvione dello scorso maggio, che richiedono investimenti del valore complessivo di oltre 6 milioni di euro per la riqualificazione delle aree ambientale e produttiva. Il primo milione di euro è arrivato dalle donazioni, a partire dall’iniziativa ‘Un aiuto subito’ promossa da Corriere della Sera e TgLa7 (725mila euro utilizzati per iniziare a ristabilire l’habitat di flora e fauna) e da ‘Sosteniamo l’Emilia-Romagna’, raccolta fondi di Conad (300 mila euro) per il ripristino della macchina del sale, fondamentale per fare ripartire la produzione. Il resto delle risorse necessarie arriverà dagli stanziamenti del Commissario straordinario per la ricostruzione attraverso la Regione.

Infine, il Parco archeologico che diventerà un vero e proprio polo visitabile con il supporto di guide autorizzate dopo i ritrovamenti e gli scavi avviati negli anni scorsi dal Comune di Cervia.

Il presidente Bonaccini: “Un importante segnale di ripartenza”

“Sette mesi fa, nella riserva naturale della Salina di Cervia completamente alluvionata, ho lanciato un appello per salvare un patrimonio unico della nostra regione- ha dichiarato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini -. Era importante che non si spegnessero i riflettori su questa terra che occupa un terzo del Comune, dove si produce un sale dolce conosciuto e apprezzato ovunque, un luogo magico in cui ammirare i fenicotteri rosa che qui sono di casa. Ora non solo proseguiamo i lavori per ripristinare integralmente la riserva in collaborazione col Commissario Figliuolo, che ringrazio, ma rilanciamo con l’avvio del percorso verso la prestigiosa candidatura Unesco. La Salina ha infatti tutte le carte in regola per ambire a questo importante riconoscimento in ambito ambientale e naturalistico, dopo quello recente ai Gessi dell’Appennino emiliano-romagnolo e prima alla Riserva integrale di Sasso Fratino nel Parco delle Foreste Casentinesi e alle tre Riserve Mab Biosfera, Delta del Po, asta del fiume Po e Appennino Tosco-emiliano. Ambiente, turismo ed economia, tre punti di forza della nostra regione sono racchiusi nella Salina di Cervia. Anche questo è un segnale di ripartenza che vogliamo sostenere, perché parla della tenacia e della bellezza di questa terra che niente e nessuno potrà scalfire”.

Il sindaco Massimo Medri: “Un risultato storico”

“Sta prendendo forma il progetto che porterà Cervia a diventare un vero e proprio ‘museo del sale a cielo aperto’ – ha spiegato il sindaco di Cervia Massimo Medri -. Siamo riusciti a mettere a sistema i tanti singoli interventi e a costruire un masterplan, un progetto organico complessivo per dare forma alla “città del sale”, che ora ci porterà a candidare la nostra Salina come Patrimonio UNESCO. Questo è stato possibile grazie anche alla concessione dell’area delle saline al Comune di Cervia fino al 2057. Un particolare ringraziamento va al presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e al Commissario straordinario, generale Francesco Paolo Figliuolo, che hanno sostenuto il rilancio delle Saline dopo gli eventi alluvionali. È questo un risultato storico, che innalzerà ancora di più il valore della nostra città con la sua cultura, la sua tradizione e la sua storia, importante anche per il settore turistico e per aumentarne l’attrattività a livello nazionale e internazionale”.

Tra gli altri partecipanti alla serata, il professore Andrea Augenti, titolare della cattedra di Archeologia medievale presso il Dipartimento di Storia Culture e Civiltà dell’Università di Bologna (sede di Ravenna), direttore del “Progetto Cervia Vecchia”, l’architetto Mario Turci, museologo e progettista che lavora al restyling di MUSA, allestimento del museo delle Acque e valorizzazione del museo diffuso, Giuseppe Pomicetti, presidente del Parco della Salina di Cervia, gli architetti Cinzia Bazzocchi e Giovanni Tamburini, che stanno curando il recupero dello stabilimento delle saline e dell’area naturalistica.