Costo totale del progetto è di 106.000 euro e la Regione assicura un contributo di 84.000 euro

Il progetto “Azioni per una città coesa – la sicurezza urbana a Lugo” che il Presidente della Regione Stefano Bonaccini e il sindaco Davide Ranalli hanno firmato nel salone Estense della Rocca prevede una serie di azioni che si sviluppano in modo coordinato a diversi livelli combinando riqualificazione urbana dei luoghi, prevenzione sociale e comunitaria, il coinvolgimento attivo delle comunità, la mediazione dei conflitti, la promozione culturale e l’intervento sulle relazioni sociali. Il costo totale del progetto è di 106.000 euro e la Regione assicura un contributo di 84.000 euro.

Il progetto è stato approvato dalla Regione Emilia-Romagna all’inizio di settembre ed è in pieno svolgimento. Alla presentazione dei contenuti dell’accordo e della successiva firma era presente il Prefetto Castrese De Rosa.

L’ambito cittadino nel quale si concentra il progetto è nell’area tra la stazione ferroviaria, il centro storico, il parco del Tondo fino all’area verde del parco del Loto e di via Bach. La complessiva azione di prevenzione ambientale prevede il potenziamento del sistema comunale di videosorveglianza del centro storico con telecamere moderne già installate che sono andate a sostituire mezzi più antiquati nella zona del Tondo, della stazione e dell’autostazione, e nell’area del parco del Loto. La riqualificazione dell’area verde di via Bach, con il completo restyling del playground che è quasi completato, e il posizionamento di nuovi arredi e punti di illuminazione.

A queste azioni concrete seguono le attività sociali e, in particolare, l’intervento di prossima attuazione di educativa di strada a cura degli operatori di Casa Novella. Un’azione rivolta a gruppi informali di adolescenti e giovani nei luoghi di abituale ritrovo. Alle famiglie e ai bambini è rivolta in particolare l’azione (in svolgimento) che riguarda il gioco libero da promuovere attraverso incontri nei parchi cittadini con operatori della cooperativa Kaleidos: un modo per promuovere la socialità, la relazione sociale, la cura per l’ambiente. Infine, l’azione già attuata con il finanziamento del bike sharing con biciclette a pedalata assistita all’interno dello spazio Book&Bike nei locali dell’Autostazione gestito dalla cooperativa San Vitale.

Tutte queste azioni si integrano nella necessaria azione di controllo e vigilanza rispetto alla criminalità da parte delle Forze dell’Ordine e della Polizia Locale.

“Siamo al fianco dei Comuni per mettere in pratica progetti che possano aumentare la sicurezza dei cittadini – ha spiegato il Presidente Stefano Bonaccini -. Un lavoro che ha l’obiettivo prioritario di promuovere lo sviluppo della qualità di vita delle persone all’interno delle loro comunità. Con questi accordi ci muoviamo in due direzioni precise: controllo e vigilanza del territorio da una parte, prevenzione e promozione della socialità dall’altra. Siamo convinti che investire anche su azioni concrete capaci di intervenire sulla relazione, attraverso l’ascolto e la mediazione, possa incidere in modo positivo sul tessuto sociale”.

“Ringraziamo la Regione per la condivisione di un progetto a più livelli che investe sui luoghi e sulle persone – spiega il sindaco Davide Ranalli – . Accanto al necessario intervento di tutte le Forze dell’Ordine riteniamo che queste azioni possano avere ricadute positive nella comunità”.

In allegato due foto, la firma avvenuta venerdì 19 gennaio dopo la presentazione e la sottoscrizione dell’accordo ATUSS tra Unione dei Comuni della Bassa Romagna e Regione Emilia-Romagna, e il rinnovato campo di basket di via Bach quasi completato.