La nuova centrale operativa dell'Unione delòla Romagna Faentina

Nella stessa mattinata è stata presentata la nuova sala operativa che mette in connessione varchi-targa del territorio

Come da tradizione, in occasione di San Sebastiano, patrono della Polizia Locale dell’Unione faentina, ha presentato i dati dell’attività dell’anno appena trascorso.

Per quanto riguarda la sicurezza stradale, nel 2023, nell’Unione, sono stati controllati 4.825 veicoli con 2.064 persone sottoposte ad alcoltest. A seguito delle verifiche, 47 sono state le patenti ritirate e 169 i mezzi sottoposti a fermo amministrativo o sequestrati per irregolarità. Per quanto riguarda le sanzioni legate alla sicurezza stradale: 162 sono state le multe elevate per l’inosservanza della norma che obbliga l’uso delle cinture di sicurezza; 124 per l’uso dello smartphone durante la guida; 1.223 veicoli sono risultati non sottoposti alla regolare revisione e 285 quelli senza la regolare copertura assicurativa. Inoltre, 13 i conducenti denunciati per guida in stato di ebrezza e 2 quelli che si erano messi alla guida sotto l’effetto di stupefacenti. Infine, 197 i veicoli sanzionati dalle pattuglie della polizia locale per non aver osservato i limiti di velocità. Sempre legato alla sicurezza, nel 2023, la strumentazione fissa installata lungo le strade dell’Unione ha registrato il superamento dei limiti di velocità a 43.982 veicoli. Durante i controlli stradali sono state elevate 207 contravvenzioni a veicoli fermi in stalli per disabili e 39 in quelli riservati ai veicoli elettrici senza averne titolo (auto a trazione tradizionale lasciate in sosta negli stalli delle colonnine di ricarica per mezzi elettrici).

Attività del Nucleo di polizia commerciale

Nel corso del 2023 il personale preposto ha controllato 905 esercizi (bar, ristoranti, esercizi di vicinato e mense) evidenziando in 30 casi irregolarità e si è proceduto a una chiusura temporanea. Nel corso dell’anno appena trascorso sono stati controllati 3.921 commercianti ambulanti ed effettuati 453 servizi ispettivi durante i mercati cittadini; 1.163 sono state le concessioni e le ordinanze emesse.

Attività di polizia giudiziaria

Nel corso del 2023 il personale ha trattato oltre mille notifiche mentre 70 sono state le denunce trasmesse in Procura. Le denunce di smarrimento sono state 320 e 18 le persone identificate attraverso il fotosegnalamento presso altre forze di polizia. Il personale addetto ha inoltre trattato 3 casi di ‘Codice rosso’ per atti persecutori (L. 69/2019); due persone sono state denunciate e una arrestata.

Attività di infortunistica stradale

Nel 2023 nell’Unione sono stati rilevati 469 incidenti stradali di cui 266 con feriti e 5 con esito fatale (mortali). Nell’ambito dell’attività infortunistica, a seguito di sinistri stradali, 59 le comunicazioni di reato alla Procura, 25 delle quali per guida in stato di ebrezza, sotto l’uso di stupefacenti e per essersi rifiutati di sottoporsi ai test per l’alcol e gli stupefacenti. Nel 2023, i conducenti coinvolti in incidenti stradali poi allontanatisi dal luogo del sinistro sono stati 16; 8 di questi sono stati rintracciati e denunciati.

Attività polizia edilizia

Nel 2023 sono stati effettuati 155 controlli che hanno portato all’accertamento di 30 violazioni.

Progetti educativi

Nel corso dell’anno personale della polizia locale ha dedicato 195 ore a questa attività, con 30 ore di didattica legata ai fenomeni di cyberbullismo nelle scuole durante le quali sono stati incontrate 15 classi e circa 300 studenti.

Sicurezza integrata

Progetti Varchi-Targa

Dal 2021 l’Unione della Romagna Faentina e la Regione Emilia Romagna hanno siglato accordi di programma in tema di Sicurezza Urbana con l’intento di perimetrare il territorio dell’Unione attraverso i ‘Varchi-Targa’; attraverso questa tecnologia l’amministrazione ha intenzione di realizzare un sistema di controllo capillare dei veicoli lungo le strade di accesso al territorio che possa essere anche di supporto alle forze di polizia nella loro attività di prevenzione e contrasto dell’illegalità monitorando in tempo reale il traffico in ingresso e in uscita dal territorio, prevenendo così fatti criminosi attraverso l’azione di deterrenza che la presenza di telecamere è in grado di esercitare; inoltre il progetto favorirà la repressione di attività illecite nelle zone controllate potendo ricorrere alle informazioni che il sistema sarà in grado di fornire. Sara inoltre possibile controllare aree o strutture che presentano particolari elementi di criticità in situazioni ordinarie o in concomitanza di eventi rilevanti per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Ad oggi nell’Unione sono presenti 44 telecamere di lettura targhe che compongono l’impianto dei varchi e sono così distribuite: 12 nel comune di Faenza; 13 in quello di Castel Bolognese; 3 nel brisighellese, 4 nel comune di Casola Valsenio, 6 in quello di Riolo Terme e 6 in quello di Solarolo.

Nel 2022 inoltre è stata decisa l’installazione (da effettuarsi nell’anno successivo) di 8 varchi-targa nel territorio dell’Unione: 5 nel comune di Brisighella, 2 in quello di Casola Valsenio e 1 nel comune di Riolo Terme. I lavori sono stati sospesi per le numerose frane che hanno compromesso gli impianti. Nel 2023 e 2024 verranno installati altri 19 ‘Varchi-Targa’ con l’obiettivo di completare la realizzazione entro giugno 2025.

Videosorveglianza (telecamere)

Nel 2020 a Faenza è stato ampliato il sistema di videosorveglianza urbana con l’installazione di 6 telecamere di contesto in prossimità e all’interno dei parchi cittadini che insistono sull’asse viario di Corso Garibaldi (Parco Mita, Parco San Francesco e piazza Rampi); inoltre sono stati installati nuovi punti luce per illuminare le zone più in ombra dei parchi.

Nel 2021 il progetto ha riguardato in particolare il territorio di Castel Bolognesedove è stato ampliato l’impianto di videosorveglianza con l’installazione di 31 telecamere per sottoporre a controllo le zone sensibili della cittadina sulla via Emilia: parco Biancini, parco di via Firenze, parco Borghesi, parco Bocciofila, portici del centro storico per un totale.

Sia a Faenza che a Castel Bolognese è poi partito anche il progetto ‘Educativa di strada’, un servizio rivolto agli adolescenti che si svolge in strada, nei parchi e nei luoghi informali nei quali i ragazzi si incontrano e socializzano. La novità del progetto consiste che siano gli educatori a rivolgersi ai ragazzi, andando direttamente nei luoghi dove si ritrovano spontaneamente tra loro. I principali obiettivi dell’Educativa di strada sono il coinvolgimento dei giovani nel contesto sociale promuovendo così un confronto e un ascolto e stimolando la frequentazione di luoghi comuni. Lo stesso progetto dall’anno successivo è stato attivato anche a Brisighella.

Nel 2023 è stato siglato un accordo tra l’Unione e la Regione che porterà durante quest’anno alla realizzazione a Faenza di un ‘Giardino della legalità’, dedicata ai giudici Falcone e Borsellino, come indicato da una Mozione approvata all’unanimità nel Consiglio comunale della città manfreda. Nel dettaglio, in piazza Dante verrà creata un’area di incontro, arricchita da installazioni artistiche, dove realizzare eventi a tema per rendere più vivo e maggiormente frequentato quello spazio.

Qualificazione del Corpo della Polizia Locale dell’Unione della Romagna Faentina

Nel corso del triennio 2021-2023 il Corpo della polizia locale dell’Unione si è dotato (nel 2021) dell’estensione della rete radiomobile ERrete per una maggiore efficienza nelle comunicazioni anche in zone poco coperte dai segnali radio anche attraverso l’installazione di un’antenna ‘Tetra’ nel comune di Brisighella; nel 2022 il Comando ha acquisito strumentazione di fotogrammetria per il rilievo automatico dei sinistri stradali e la ricostruzione tridimensionale, così da essere maggiormente precisi durante i rilievi di legge, cosa che comporta minori ricorsi successivamente ai sinistri stradali. Nel 2023 inoltre il Corpo della polizia locale ha acquisito quattro mezzi a trazione integrale allestiti per interventi di emergenza (la consegna è prevista per aprile 2024), un furgone a trazione integrale attrezzato per i servizi di polizia locale per interventi d’emergenza (consegna prevista luglio 2024), un gruppo elettrogeno e la realizzazione della nuova sala operativa (già operativa) in locali posizionati al primo piano con accesso monitorato. La sala operativa è composta da otto monitor a muro che trasmettono, in condivisione con le altre forze dell’ordine del territorio, le immagini della videosorveglianza cittadina e dei varchi targa così da poter avere il monitoraggio continuo territorio. Per la qualificazione del Corpo della polizia locale sono stati investiti circa 380mila euro con risorse regionali e dell’Unione mentre per la realizzazione dei progetti elencati, nel quinquennio 2020-2025, la cifra si aggira attorno ai 900mila euro.

Con questo investimento -dice il sindaco di Castel Bolognese, assessore con delega alla Polizia Locale e alla Sicurezza dell’Unione della Romagna Faentina, Luca Della Godenzafacciamo un salto di qualità importante e decisivo nella gestione integrata della videosorveglianza e quindi nella sicurezza del territorio. Grazie alla Regione Emilia Romagna la nostra Unione si dimostra all’avanguardia nel ricevere finanziamenti per la sicurezza dei nostri territori e dei nostri concittadini”.

Nel corso di questi tre anni -spiega l’assessore con delega alla Sicurezza e Legalità e Trasparenza del Comune di Faenza, Massimo Bositanto è stato fatto nel campo della sicurezza e della salvaguardia della nostra comunità. Molti i progetti portati avanti nelle scuole per porre le basi di una efficace cultura della legalità. Anche nel campo della sicurezza urbana si è fatto molto e questo grazie al proseguo della perimetrazione del territorio dell’Unione attraverso i varchi-targa, strumento fondamentale per la disincentivazione dei reati; a questo si aggiunge l’installazione di telecamere di contesto nelle zone più sensibili, strumento sia di prevenzione dei reati che estremamente utili alla risoluzione delle indagini per i reati consumati. La realizzazione della nuova sala operativa consentirà inoltre al Comando della Polizia Locale di poter disporre di un potente faro acceso in tutto il territorio dell’Unione che monitorerà in tempo reale le situazioni contingenti. Non bisogna dimenticare che a maggio del 2023 il nostro territorio è stato devastato dalle alluvioni. Fenomeni questi che hanno visto impegnato, tra gli altri, anche tutto il personale della polizia locale che si è prodigato nella salvaguardia dell’incolumità della nostra popolazione, oltre ai normali servizi che sono stati comunque sempre assicurati. È per questo voglio ringraziare tutti gli operatori, dal comandante Vasco Talenti agli agenti che, anche ben al di fuori degli orari canonici di lavoro, hanno operato in maniera egregia”.