In corso le visite e le procedure identificative, solo 7 resteranno a Ravenna

Sono terminate intorno alle ore 11.30 le operazioni di sbarco dei 134 migranti a bordo della nave ONG di Msf Geo Barents presso il Terminal Crociere di Porto Corsini, dove la nave è attraccata stamattina alle ore 7.30.

Subito sono saliti a bordo i medici dell’Usmaf, il personale del 118 e della Croce Rossa Italiana per le prime visite e personale della Questura per gli adempimenti di rito.

Tra i primi 35 migranti a scendere dalla nave, per poi essere accompagnati con mezzi della Croce Rossa Italiana al Circolo dei Canottieri in località Standiana di Ravenna, ci sono stati due migranti per i quali, dopo le prime visite sanitarie, si è reso necessario il trasporto al Pronto Soccorso del locale nosocomio per ulteriori accertamenti.

A seguire altri due trasferimenti (50 e 49 migranti), sempre con mezzi della Croce Rossa Italiana, verso la Standiana di Ravenna, per le ulteriori visite mediche da parte del personale dell’Ausl Romagna (dove finora non sono emersi casi sanitari critici) e per l’effettuazione di tutti gli adempimenti di polizia e dei Servizi Sociali del Comune.

Appena ultimate le visite e le procedure identificative il programma di trasferimento prevede la seguente ripartizione:

  • 71 migranti rimarranno in Emilia Romagna (62 adulti e 9 MSNA di cui 16 a Bologna, 5 a Ferrara, 7 a Forlì Cesena, 11 a Modena, 6 a Parma, 5 a Piacenza, 8 a Reggio Emilia, 6 a Rimini e 7 a Ravenna) e saranno accompagnati con pullman a Bologna per essere poi ripartiti tra le varie province, fatta eccezione per Forlì-Cesena e Rimini dove gli enti gestori delle province interessate verranno a prelevarli direttamente al Circolo Canottieri;
  • 63 migranti saranno trasferiti con pullman nella Regione Lazio (57 adulti e 6 MSNA).

 “Sta procedimento tutto secondo le previsioni – ha dichiarato il Prefetto di Ravenna Castrese De Rosa – finora solo per due persone a bordo è stato necessario il trasferimento al Pronto Soccorso per più approfonditi accertamenti. Nessun intoppo nelle operazioni di sbarco che si sono concluse anche prima dei tempi preventivati. Al Circolo dei Canottieri le visite e gli adempimenti di polizia stanno procedendo senza particolari criticità”.

Sono 34 i minori di cui 15 non accompagnati, tanti i bambini tra cui due di 2 anni, uno di 4 e due di 6 anni. Ben 12 i nuclei familiari tutti siriani che rappresentano la maggioranza giunta a Ravenna (90), 26 provengono dall’Egitto, 10 dal Pakistan, 5 dall’Etiopia e 3 da Bangladesh, Eritrea e Palestina.