Il focus di quest’anno è “Insieme senza confini”.

Venerdì 16 febbraio i Comuni della Bassa Romagna aderiscono a «M’illumino di meno». Giunta alla 20esima edizione, l’iniziativa è ideata dallo storico programma Caterpillar di Radio 2, che annualmente dal 2005 organizza questa giornata per diffondere la cultura della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse.

Per questa edizione Caterpillar “spegne i confini” nell’edizione “No Borders” della campagna perchè “aria, oceani, montagne, foreste non hanno confini e vanno difesi con un cambiamento che deve essere globale“; oltre a spegnere simbolicamente per un po’ le luci come gesto di risparmio energetico, invita tutti e tutte a cercare alleanze internazionali per le scuole, le università e la ricerca, le sedi all’estero per le aziende.

Il Servizio Educazione Ambientale, il Centro di Educazione alla Sostenibilità e il Servizio Europa e Progettazione strategica della Bassa Romagna hanno reso partecipi dell’iniziativa, oltre ai Comun, le città gemelle in Europa, in un’ottica di superamento delle distanze verso la sensibilizzazione al risparmio energetico.

Le tre sedi operative del Ceas della Bassa Romagna, inoltre organizzano attività e iniziative per sensibilizzare la cittadinanza e i ragazzi.

L’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo venerdì 16 febbraio partecipa all’iniziativa organizzando “La notte buia” una passeggiata notturna muniti di torce alla scoperta dei punti di interesse nascosti del paese; al termine tisana della notte e biscotti di stelle, accompagnati dal suono delle campane tibetane.

Casa Monti & Riserva Naturale di Alfonsine ha coinvolto le classi VA e VC della Scuola Rodari proponendo diverse azioni: un’attività didattica per sensibilizzare i ragazzi e le famiglie al tema del risparmio energetico; la realizzazione di slogan e disegni in doppia lingua/dialetti da parte dei ragazzi per andare “oltre i confini”; in ultimo ha invitato i ragazzi e le loro famiglie a fare un’azione concreta per la sera del 16 febbraio come spegnere le luci in casa e cenare a lume di candela.

Il Podere Pantaleone di Bagnacavallo propone “Un parco senza confini”: sabato 17 febbraio alle 15 dove verranno piantati giovani alberi nel parco pubblico salvati dallo sfalcio nell’Oasi Podere Pantaleone e verranno inaugurate le “Aree a sfalcio limitato” per la tutela della biodiversità dei prati nei parchi pubblici di Bagnacavallo.

La Biblioteca di Cotignola, venerdì 16 febbraio ore 17, organizza “La notte dei pupazzi” per i bimbi dai 3 ai 5 anni e i loro pupazzi. Dopo le letture a lume di torcia, i bimbi affideranno i loro amici peluche alle bibliotecarie. I pupazzi trascorreranno la notte in biblioteca per un pigiama-party, in cui ne accadranno di tutti i colori, e diventeranno “aiuti bibliotecari” aspettando la mattina seguente i bambini e le bambine con un piccolo omaggio green.

La Biblioteca di Alfonsine attende i bimbi dai 3 ai 6 anni, per tante letture a lume di torcia a cura delle lettrici volontarie Nati per Leggere e a seguire un laboratorio. Appuntamento ore 16.45.

Il Comune di Fusignano organizza una camminata per le vie del Comune, percorso rosso, con uso di torce. Appuntamento con partenza alle ore 20 da piazza Corelli ed un concerto “Se io fossi Gaber”, percorso tra monologhi e canzoni dello storico cantautore, alle ore 21 presso l’Auditorium Corelli.

IL SILENZIO ENERGETICO CON GLI SPEGNIMENTI DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Come ogni anno, ciascun Comune della Bassa Romagna il sedici febbraio provvederà allo spegnimento dell’illuminazione pubblica in alcune piazze e vie del centro, come gesto di adesione concreta a M’illumino di meno. Il Comune di Alfonsine aderisce ritardando l’accensione della pubblica illuminazione di piazza Gramsci alle ore 20. A Bagnacavallo luci spente in piazza della Libertà dalle 19 alle 21. Il Comune di Bagnara di Romagna ritarderà di 30 minuti l’accessione della pubblica illuminazione del centro storico (zona della piazza G. Marconi). In piazza Foresti a Conselice, nelle piazze Mazzini e Caduti a Lavezzola e in piazza Mameli a San Patrizio l’accensione sarà ritardata alle 21. Ritardo dell’accensione delle luci alle 20.15 in piazza Vittorio Emanuele II a Cotignola. A Fusignano sarà spenta dalle 20 alle 22 l’illuminazione pubblica del centro storico (corso Emaldi, piazza Corelli, via Battisti, piazza Armandi, via Monti e via Piancastelli). A Lugo sarà posticipata alle 19:30 l’accessione della pubblica illuminazione in Largo Relencini, Piazza Primo Maggio, Piazza Martiti, Piazza Baracca e al quadriportico del Pavaglione (ma non piazza Mazzini area a cielo aperto). A Massa Lombarda accensione ritardata alle 19.30 in piazza Matteotti e via Vittorio Veneto, mentre a Sant’Agata sul Santerno luci spente fino alle 19:30 in piazza Umberto I e via Roma, piazza Garibaldi, piazza Monsignor Rambelli, via Sassoli, via Baldi, via Vittorio Emanuele, via Mazzini, piazza I° Este, largo Margherita Savoia, via Scardovi, via Soldati, via Azzaroli. Saranno organizzati servizi da parte della Polizia Locale nelle zone oscurate.

Come ogni anno M’illumino di meno vuole essere anche un invito aperto a scuole, amministrazioni, aziende, associazioni, condomini e privati cittadini, che potranno aderire spegnendo le luci, pedalando, organizzando attività di educazione ambientale, riducendo il proprio consumo energetico.