Nell’auto fermata all’uscita del casello autostradale di Cesena nascondeva un kilo di cocaina, addosso aveva quasi 7mila euro in contanti e il materiale per predisporre le dosi

Nella notte tra venerdì e sabato scorso, i finanzieri della Tenenza di Cervia, in collaborazione con il personale della Squadra Mobile di Ravenna e in attuazione dei consueti servizi posti in essere a contrasto dei traffici illeciti che possono interessare il territorio, hanno sottoposto a controllo un automezzo in uscita al casello autostradale di Cesena della A14.

L’ausilio dell’unità cinofila “Bacol” della Guardia di Finanza e l’intuito degli operanti che hanno valutato di approfondire l’ispezione hanno però rivelato tutt’altro scenario; infatti, abilmente occultato sotto la seduta lato passeggero dell’autovettura, è stato rinvenuto un panetto confezionato con cellophane trasparente, contenente oltre un kilogrammo di stupefacente del tipo cocaina, la cui commercializzazione avrebbe potuto fruttare circa 100 mila euro.

Immediata, quindi, la perquisizione personale del conducente, che consentiva di reperire euro 6.970 in contanti e n. 2 telefoni, nonché la successiva perquisizione locale dell’abitazione di residenza, sita nel comune di Cervia, che ha permesso di sequestrare ulteriori 12,1 grammi di cocaina e un bilancino di precisione utile alla predisposizione delle dosi.

Al termine delle operazioni il fermato è stato tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Forlì a disposizione della locale Autorità Giudiziaria.

L’attività svolta dimostra l’assidua ed efficace azione di controllo posta in essere dal Corpo, nonché la proficua collaborazione con la Polizia di Stato e in genere tra tutte le forze di Polizia operanti sul territorio, a contrasto della criminalità e a tutela della sicurezza dei cittadini.