Veduta aerea di Piazza del Popolo a Faenza

La misura messa in campo dal Comune di Faenza

Gli eventi alluvionali del mese di maggio che hanno colpito moltissime abitazioni nel comune di Faenza hanno costretto i residenti a lasciare le case danneggiate per essere sottoposte a interventi strutturali così da permettere ai nuclei di rientrare. Ad oggi risulta che i nuclei familiari che non sono ancora rientrati nelle abitazioni sono 516 molti dei quali a oggi sono alla ricerca di un appartamento in affitto, potendo contare anche sul contributo erogato attraverso i CAS, per l’autonoma sistemazione.  

Purtroppo, il numero di immobili in locazione nel territorio da destinarsi ad uso abitativo, immediatamente disponibili e per un periodo limitato di tempo, non è particolarmente alto, sicuramente non sufficiente al numero di nuclei familiari a tutt’ora alla ricerca di un affitto. Per questo motivo l’amministrazione, seguendo esempi simili già adottati in altre municipalità, per incentivare la disponibilità di abitazioni da destinare all’alloggio delle famiglie alluvionate ha deciso di approvare una misura economica che in qualche modo possa incentivare i proprietari delle abitazioni ad affittarle per un periodo di tempo di 6, 9 o 12 mesi attraverso i contratti di locazione a canone concordato. In buona sostanza, non potendo per legge assolvere i proprietari dal pagamento dell’IMU, l’amministrazione comunale ha deciso che questa verrà interamente rimborsata per i mesi di locazione ai nuclei famigliari alluvionati.  

“Dopo l’apertura del servizio dell’Agenzia per la casa -spiega l’assessore Davide Agrestiabbiamo deciso di mettere in campo un altro strumento per ammorbidire le rigidità del mercato immobiliare privato. Confidiamo che questa misura possa convincere i proprietari immobiliari a mettere a disposizione abitazioni, al momento sfitte, alle famiglie alluvionate alla ricerca di una soluzione temporanea. Il contributo riconosciuto sarà l’equivalente dell’IMU pagata per il periodo di locazione, unica modalità che ci permetteva di superare l’impossibilità normativa di procedere all’esenzione”.

La domanda può essere presentata per l’anno 2023 entro il 30 giugno 2024. La stessa misura è poi prevista anche per l’anno 2024.

Modalità per presentare la richiesta

La domanda può essere presentata autonomamente online con SPID/CIE/CNS sul Portale dei Servizi al Cittadino dell’Unione, nel sito del Comune di Faenza all’indirizzo internet https://www.comune.faenza.ra.it/Amministrazione/Emergenza-Alluvione/IMU-2023-proprietari-di-abitazioni-concesse-agli-alluvionati-Domanda-di-rimborso oppure presso lo sportello presso il Servizio Emergenza in via XX Settembre n.3 a Faenza aperto tutte le mattine, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 13. Per recarsi agli uffici non è necessario prendere appuntamento.