Capanno balneare a Marina di Ravenna
Capanno balneare a Marina di Ravenna (Foto Francesca Santarella)

“Demolizione passibile di sanzioni penali”

Si torna sulla questione, che ha suscitato grande malcontento in città. dell’abbattimento degli storici capanni balneari sul litorale. Italia Nostra sezione di Ravenna comunica di aver inviato “qualche giorno fa al Comune di Ravenna, alla Soprintendenza e alla Capitaneria di Porto, mettendo in conoscenza il Ministero della Cultura e l’Associazione capannisti, un’istanza – che si allega – in cui si evidenzia come i capanni balneari sarebbero già sottoposti a vincolo di tutela che ne prevede la conservazione, in quanto ricadenti in zona sottoposta a vincolo paesaggistico e dichiarata di notevole interesse pubblico, e in quanto realizzati su area pubblica. La loro demolizione, quindi, può avvenire solo dopo una dichiarazione che sancisca un valore storico, culturale e paesaggistico dei capanni pari a zero, e solo dopo una opportuna e motivata autorizzazione paesaggistica a seguito di una conferenza di servizi tra tutti gli Enti coinvolti. La demolizione dei capanni in assenza di tale autorizzazione sarebbe dunque passibile di severe sanzioni penali” afferma l’associazione.

Italia Nostra continua affermando che “Nessuna risposta è giunta dagli Enti, e pare che gli abbattimenti stiano invece proseguendo. A questo si aggiunge che le demolizioni avvengono in assenza, a quanto ci risulta, della Valutazione di incidenza ambientale, che in questo caso sarebbe obbligatoria, e senza alcuna prescrizione in merito alla sicurezza e alle operazioni che si svolgono, in modalità ‘fai-da-te’ su improvvisate scalette e con mezzi propri all’interno del cantiere “Parco Marittimo”.