Padre e figlia si tengono per mano
(Shutterstock.com)

Il 23 aprile primo appuntamento: “L’interesse del minore tra sanzione e rieducazione – Differenti limiti e differenti capacità” 

Domani martedì 23 aprile, dalle 16 alle 18, nell’aula magna del Campus Alma Mater Studiorum di Ravenna, in via Oberdan 1 e in modalità online sulla piattaforma Teams, collegandosi al link https://bit.ly/interesse-minore, si terrà il 1° incontro del ciclo Le giornate dell’Osservatorio del 2024, dal titolo “L’interesse del minore tra sanzione e rieducazione-Differenti limiti e differenti capacità” con il patrocinio della Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza dell’Emilia Romagna. Interverranno Flavia Cesari Avvocata-Foro di Bologna e Vanessa Maraldi Assegnista di Ricerca -Alma Mater Studiorum UNIBO.

Riprendono gli appuntamenti dedicati a sviluppare le questioni giuridiche e sociali legate all’infanzia e all’adolescenza con l’obiettivo di approfondire temi di grande utilità per chi si occupa di educazione, tutela e benessere del/della minore; verranno discussi sotto diversi aspetti i temi riguardanti l’interesse del minore nei differenti contesti sociali che interessano il diritto di famiglia e il diritto penale dopo i cambiamenti la Riforma Cartabia e il cosiddetto Decreto “Caivano” ora Legge: recante misure urgenti di contrasto al disagio giovanile, alla povertà educativa e alla criminalità minorile, nonché per la sicurezza dei minori in ambito digitale”. Ricercatrici, ricercatori ed esperti dialogheranno sui delicati aspetti dei contesti familiari e sociali ripercorrendo anche quelle sentenze storiche che hanno portato alle norme e alle leggi dei nostri giorni. L’Osservatorio territoriale per l’Infanzia è stato istituito nel dicembre 2020 dal Comune di Ravenna – con la partnership di UNICEF Ravenna e dell’Associazione “Dalla parte dei minori”-  e trova riconoscimento nelle linee guida sia regionali che nazionali ed europee che richiamano l’Ascolto del Minore come punto cardine nella progettazione e realizzazione di attività e servizi per la prevenzione del disagio e promozione dell’agio dei/delle minori grazie ad attività di rilevamento e ascolto diretto di bambine, bambini, ragazze e ragazzi.
Sono previsti i saluti da parte di rappresentanti dell’Amministrazione comunale  e di Enrico Al Mureden professore Ordinario Alma Mater Studiorum UNIBO

 L’evento sarà poi introdotto e moderato da Alessandra Spangaro, professoressa associata UNIBO e Nicolò Cevolani, assegnista di ricerca UNIBO.