(Foto shutterstock.com)

Iniziativa del centro delle famiglie dell’unione della Romagna Faentina per combattere la dispersione scolastica

È pienamente operativa la nuova sede dello Spazio adolescenza UFO – Universo Fuori Onda- inaugurata nei giorni scorsi al piano terra del complesso degli ex Salesiani di via San Giovanni Bosco 1 a Faenza.

UFO è uno spazio di ascolto e di confronto gratuito per gli adolescenti e le loro famiglie, nato poco più di un anno fa dalla collaborazione tra l’Unione della Romagna Faentina e AUSL della Romagna. Qui, i ragazzi tra i 16 e i 25 anni e le loro famiglie possono rivolgersi per essere ascoltati, manifestare i propri dubbi e le difficoltà trovando operatori che potranno accoglierli e dare loro risposte ai diversi bisogni tipici dell’adolescenza, il tutto nell’ottica della prevenzione del rischio della dispersione scolastica e per offrire una tempestiva risposta ai primi segnali di disagio. Da questa posizione privilegiata, oltre all’offerta di percorsi di consulenza e supporto individuale, nascono anche progetti per supportare il benessere personale e relazionale nei diversi contesti di vita degli adolescenti. Tra questi: la possibilità di essere ospitati da aziende locali così da poter osservare ‘sul campo’ i diversi mestieri e avere conoscenza diretta del mondo del lavoro; frequentare laboratori progettati ad hoc per chi sta affrontando un momento di difficoltà nei percorsi scolastici e frequentare percorsi formativi tradizionali per chi vive un periodo di stallo nel proprio percorso di crescita. Attraverso la sperimentazione di tecniche espressive, l’acquisizione di competenze personali e professionali, e grazie al confronto con adulti e coetanei in contesti accoglienti e protetti, UFO promuove quindi l’acquisizione dell’autostima e di abilità relazionali.

Per la realizzazione di questi progetti è fondamentale il supporto di aziende e associazioni locali; a tal riguardo UFO ha recentemente attivato una collaborazione con il Rione Giallo, che ha ospitato il laboratorio Young Lab dal titolo “Apprendista barista”, durante il quale un gruppo di ragazzi e ragazze, guidato da un barista esperto e da una educatrice, ha appreso le preparazioni fondamentali del bar: dal preparare il caffè a servire una colazione fino a relazionarsi con i clienti. Momento ultimo di questa prima collaborazione sarà domenica 12 maggio quando, proprio nella sede rionale di via Bondiolo 85, dalle 8.30 alle 12, i ragazzi che hanno seguito il corso prepareranno e serviranno la colazione.