Estratto grafico dell'area interessata ai lavori per il rigassificatore Ravenna.jpg
Estratto grafico dell'area interessata ai lavori per il rigassificatore Ravenna.jpg

Nello specchio d’acqua in questione sono interdetti la navigazione, l’accesso e qualsiasi attività a chiunque non sia legittimato

La Guardia Costiera di Ravenna rende noto che sono tutt’ora in corso e, sino al 31 dicembre, i lavori marittimi inerenti la realizzazione del progetto “Emergenza Gas – FSRU Ravenna e Collegamento alla Rete Nazionale Gasdotti”, condotto da Snam, nel pieno rispetto delle ridotte condizioni temporali prefissate.

Tali diuturni lavori, si svolgono con continuità nelle acque antistanti la costa frontista tra il locale porto e la località di Punta Marina e richiedono l’impiego di più operatori e mezzi navali intenti in diverse e complesse operazioni di sistemazione dei fondali nonché di messa in opera di impianti ed attrezzature anche con interventi subacquei.

Queste continuative e rilevanti attività, spiega la Guardia Costiera, sono state opportunamente disciplinate, ai fini della sicurezza della navigazione, a mezzo della specifica ordinanza di polizia marittima n.52/2024 da tempo emanata, la quale stabilisce che nello specchio acqueo delimitato dalle congiungenti ai seguenti punti è temporaneamente interdetta la navigazione, l’accesso, il transito, la sosta, la pesca nonché ogni altra attività di qualsiasi genere a chiunque non sia legittimato.

Ecco quindi le coordinate di posizione (sistema WGS’84) delle quattro boe di segnalazione diurna e notturna dell’area interdetta afferente la Crane Ship HLV “YUDIN” n.IMO 8219463:

  1. Lat 44° 27.0712′ N – long 012°22.5386’ E
  2. Lat 44° 27.4715′ N – long 012°25.2298′ E
  3. Lat 44° 28.7818′ N – long 012°23.9895′ E
  4. Lat 44° 28.2008′ N – long 012°22.2773′ E;

I provvedimenti emessi dalla Guardia Costiera sono regolarmente consultabili e scaricabili dal sito web istituzionale raggiungibile all’indirizzo www.guardiacostiera.gov.it/ravenna/ così come anche gli Avvisi ai Naviganti possono essere attinti dal collegamento https://www.marina.difesa.it/noi-siamo-la-marina/pilastro-logistico/scientifici/idrografico/Pagine/Avvisi.aspx .

“Atteso ora l’incremento del traffico navale, specie diportistico connesso alla stagione estiva, si ritiene opportuno – sottolinea la Guardia Costiera – richiamare nuovamente l’attenzione del naviglio minore al tassativo rispetto di tali prescrizioni, per ovvi motivi di sicurezza strettamente connessi anche alla salvaguardia della vita umana in mare ed, in tal senso, sono stati ancora interessati anche i diversi circoli/sodalizi nautici, cantieri navali e cooperative pesca ricadenti in area di giurisdizione nonché gli altri Comandi dipendenti della regione Emilia-Romagna, per una più capillare informazione all’utenza di settore. In ultimo, corre l’obbligo evidenziare che il mancato rispetto dei suddetti provvedimenti può comportare l’irrogazione di sanzioni amministrative a carico dei trasgressori da parte degli Organi di polizia operanti in mare, fatte salve le fattispecie eventualmente costituenti reato e/o finanche possibili onerosi contenziosi in caso di indebita interruzione dei lavori. Ogni eventuale situazione di rilievo dovrà essere prontamente segnalata alla Sala Operativa di questo Comando, attiva h24/365gg, a mezzo canali radio vhf/fm banda marina (ch16 – freq.156,800 mhz) ovvero telefonicamente al recapito 0544/443011 (n.blu 1530 solo in caso di effettiva emergenza)” conclude.