Saranno realizzate tre evocative installazioni site-specific

Elena Bellantoni, Pasquale Ninì Santoro e Francesco Arena: sono questi i tre artisti a cui saranno affidate altrettante opere nell’ambito di Terrena, il festival della Bassa Romagna dedicato alla land art che giunge questa estate alla sua terza edizione.

Il programma completo del Festival sarà presentato giovedì 17 giugno in conferenza stampa, alla quale interverranno anche gli artisti coinvolti.

Un’edizione ricca di contenuti, incentrata sulla figura di Dante Alighieri e sul tema “Esilio è la terra che ci accoglie”, nonché contraddistinta dal numero tre, come le stelle che scandiscono la Divina Commedia: tre installazioni site-specific (ispirate alle tre cantiche della Divina Commedia), tre laboratori artistici partecipati e tre eventi culturali, che avranno luogo durante l’estate dal 1 luglio al 13 settembre.
Un’anima – quella dantesca – che fa occhiolino anche nella grafica realizzata per il festival e che caratterizzerà tutto il materiale divulgativo.

La direzione artistica della nuova edizione di Terrena è affidata all’associazione UnconventionART di Roma, sotto la direzione artistica di Carlo Palmisano e la curatela dello storico dell’arte Giuseppe Capparelli.

Terrena – Tracciati di Land Art in Bassa Romagna è realizzato dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna con il contributo de La Cassa di Ravenna e in collaborazione con Isia di Faenza.