Mercoledì 29 settembre Franco Ambrosetti & Danilo Rea e lunedì 11 ottobre Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura. Inizio concerti ore 21

La ventiduesima edizione del Crossroads, il festival itinerante organizzato come sempre da Jazz Network in collaborazione con lAssessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e con il sostegno del Ministero della Cultura e di numerose altre istituzioni, porta al Teatro Comunale di via Cavour due importanti appuntamenti:
 
Mercoledì 29 settembre 2021 ore 21.00
FRANCO AMBROSETTI & DANILO REA
Franco Ambrosetti tromba
Danilo Rea pianoforte

Franco Ambrosetti e Danilo Rea hanno recentemente dato vita a un quartetto e a questo più intimistico duo, in entrambi i casi rivolgendosi alle loro comuni esperienze per crearne il repertorio. Tutti e due infatti, jazzisti di primordine, hanno familiarità e una lunga consuetudine con i vertici della musica pop italiana (non a caso si sono conosciuti in occasione di unincisione al servizio di Mina). La scaletta del duo si muove appunto allinterno di queste coordinate musicali, tra Stati Uniti e Italia, con laggiunta di qualche brano brasiliano. Franco Ambrosetti (Lugano, 1941) è da quasi sessantanni sulla cresta del jazz europeo, sempre con lattenzione ben focalizzata sulleredità statunitense di questa musica, a partire dalla sua lunga militanza al fianco dei grandi afroamericani: Dexter Gordon, Cannonball Adderley, Joe Henderson, Ron Carter, Kenny Barron Del resto i modelli sui quali sembra essersi plasmata leloquenza di Ambrosetti (Freddie Hubbard e Clifford Brown) vengono da questa scuola, anche se in anni recenti il trombettista svizzero si è concesso molte scappatelle al di fuori dei territori del mainstream, indirizzandosi verso unespressività più moderna. Con Danilo Rea il pianoforte jazz raggiunge vette di inaudito lirismo. Nato a Vicenza (nel 1957) è però cresciuto a Roma, sulla cui scena jazzistica ha esordito assai presto, creando nel 1975 il Trio di Roma (con Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto). Con questa formazione e, successivamente, con i Doctor 3 (con Pietropaoli e Fabrizio Sferra), Rea ha stabilito la norma del piano trio jazzistico allitaliana. Nella carriera di Rea risaltano anche notevoli collaborazioni internazionali (davvero speciali quelle con Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Bob Berg, Phil Woods, Michael Brecker, Joe Lovano, Gato Barbieri), nonché unattività dalto livello nel pop italiano. Pianista prediletto da Mina, Claudio Baglioni e Pino Daniele, Rea ha collaborato anche con Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi, Adriano Celentano. Ha contribuito inoltre alla svolta jazz di Gino Paoli.

Lunedì 11 ottobre 2021 ore 21.00
PAOLO FRESU & DANIELE DI BONAVENTURA
Paolo Fresu tromba, flicorno, effetti artist in residence
Daniele di Bonaventura bandoneon, effetti

Sono davvero innumerevoli i duetti di cui si è reso protagonista Paolo Fresu. Ce ne sono di classici e intramontabili, come quelli con Uri Caine e Ralph Towner, e di aperti a sonorità della più varia geografia, come quelli con il cubano Omar Sosa, il tunisino Dhafer Youssef, il franco-vietnamita Nguyên Lê. Quanto ai duetti made in Italy, non meno ampia è la varietà degli abbinamenti: con Antonello Salis, Furio Di Castri, Gavino Murgia, Gianluca Petrella Unica costante è linconfondibile suono di Fresu, il suo personalissimo soffio, la cesellatura delle linee melodiche, dove anche i silenzi cantano. In questa costellazione di partnership, il duetto con il bandoneonista marchigiano Daniele di Bonaventura spicca per il suo profondo e toccante intimismo sonoro, emerso in tutta la sua conturbante evidenza nel disco Mistico Mediterraneo, realizzato assieme al coro còrso A Filetta nel 2010. Il duo è poi tornato in cima allhit parade jazzistica nel 2015 con il sublime In maggiore, inciso per lECM: lirismo venato di mistero, una versione dark ed essenziale delluniverso sonoro di Fresu. Tra tempi sospesi e linee fluttuanti, lintersezione dei mood davisiano-mediterranei di Fresu con gli ingredienti sudamericani introdotti dallo strumento a mantice produce una struggente tensione melodica. La musica fluisce evocativa, irradiando una sorta di profana sacralità, già evidente, e affascinante sino a sconvolgere, nella prima prova discografica del duo.

Per info e prevendita:
Jazz Network/Crossroads
Tel. 0544 405666 (lun-ven ore 9-13)
[email protected]
www.crossroads-it.org
www.jazznetwork.it

Teatro Comunale di Russi
Via Cavour 10, Russi (RA)
Tel. 0544 587690