Da un film sulla tragedia dei migranti a una pellicola biografica, fino ad arrivare a due documentari, uno su Grillini e uno sulla guerra in Bosnia, sono tante le novità in arrivo

“I film, quando vengono completati e visti dalle persone, prendono una propria vita”, così il regista Paolo Virzì esprimeva, in un’intervista, il suo punto di vista sulle pellicole. Di fatto, nel 2019 (l’anno precedente allo scoppio della pandemia da Covid-19), gli italiani che si sono recati in sala sono stati 97.586.858, facendo guadagnare ai botteghini 635.449.774€; segno che questa “tradizione” non si è persa, ma, anzi, sembra avere davanti a sé un futuro roseo. Per questo motivo, vi proponiamo una rassegna di sette film che usciranno nelle sale dei cinema del Belpaese giovedì 3 febbraio:


OPEN ARMS – LA LEGGE DEL MARE

drammatico

Òscar, bagnino a Barcellona, resta sconvolto dalla foto di Alan, il bimbo siriano annegato in mare. Decide, così, di recarsi nell’isola di Lesbo insieme al collega e amico Gerard. Arrivati in Grecia, si accorgono subito che tantissime persone cercano di raggiungere terra, senza ricevere l’aiuto di nessuno. La presenza di Òscar e di Gerard, però, non è gradita. Dalla loro parte, ad aiutarli, la proprietaria di un ristorante; un amico ed Esther, figlia di Òscar, arrivati dalla Spagna; un fotografo e un medico in cerca della figlia scomparsa. Regia di Marcel Barrena; con Eduard Fernández, Dani Rovira, Anna Castillo e Sergi López


LET’S KISS – FRANCO GRILLINI, STORIA DI UNA RIVULUZIONE GENTILE

documentario

Franco Grillini è stato, ed è ancora, un esponente di rilievo del movimento per il riconoscimento dei diritti civili di gay lesbiche e transessuali. In questo documentario verranno ricostruiti anni di lotta dell’attivista italiano, affrontati con passione, determinazione e gentilezza. È lo stesso Grillini a ripercorrere, attraverso l’utilizzo di tanto materiale documentale, le tappe di un percorso non facile e tuttora non ancora concluso. Regia di Filippo Vendemmiati; con Franco Grillini


GLI OCCHI DI TAMMY FAYE

biuografico e drammatico

Nel 1952, Tammy, ancora bambina, ha una folgorazione in chiesa. Nel 1960, al college, conosce Jim, suo futuro marito col quale avrà due figli. Col passare degli anni, i due creano il più famoso canale televisivo religioso degli USA, fin da subito punto di riferimento. Il loro successo e la loro ricchezza, però, si sgretolano pian piano, a causa di irregolarità finanziarie, di scandali personali e dell’intervento del reverendo Falwell che, di fatto, li manda in rovina. Regia di Michael Showalter; con Jessica Chastain, Andrew Garfield e Cherry Jones


SEMPRE PIÙ BELLO

commedia

La vita di Marta, dopo un trapianto riuscito, sembra proseguire al meglio. Mentre la ragazza convive con Gabriele, la malattia si ripresenta, complicando la situazione. Marta è ricoverata e, gli amici, preoccupati, si riuniscono aspettando notizie dal medico della ragazza. Gabriele, anch’egli disperato, prova a contattare la nonna di Marta, con cui la ragazza non ha rapporti da tempo, dato che, in questo momento, sembra essere proprio lei l’unica a poter cambiare il destino. Regia di Claudio Norza; con Ludovica Francesconi, Alberto Barbi e Monica Dugo


UNO STRANO WEEKEND AL MARE

commedia

Quattro scapoli di mezz’età decidono di trascorrere un fine settimana al mare, con un unico obiettivo: fare nuove conoscenze. Incontrano, così, quattro belle ragazze, ma la speranza di un’avventura lascia ben presto il posto alla paura, trasformando una presunta commedia in un thriller. Sulla loro strada, infatti, si mette una banda di malviventi, che, a sorpresa, li fa catapultare in una situazione dai risvolti inquietanti. Regia di Alessandro Ingrà; con Alessandro Ingrà, Giorgio Manetti e Rebecca Lynn


BOSNIA EXPRESS

documentario

Mentre un treno attraversa lentamente il cuore, l’anima della Bosnia-Erzegovina e tocca Sarajevo, Tuzla, Srebrenica, Konjic e Mostar; donne, religione, guerra, violenza e arte entrano nello schermo come dadi su una scacchiera o giocati alla roulette russa, con la cinepresa che indaga dietro il ritrovato ordine delle cose. In palio ci sono la vita o morte, la verità o la menzogna. L’inchiesta che, partendo da una scuola di danza, dai corridoi di un’università, dalle aule di una scuola di musica e dalla collina di Medjugorje, colpisce lo sguardo dello spettatore; facendogli capire che la guerra non ha un volto di un uomo o di una donna, non è il volto di nessuno. Regia di Massimo D’Orzi